19 ottobre 2019
Aggiornato 14:00

Spunta la Honda, ma i big Vinales, Rossi e Marquez sono indietro

Anche senza la pioggia del mattino, resta davanti un tris di Rcv, con Dani Pedrosa e i satellite Jack Miller e Cal Crutchlow. Alle loro spalle si infilano le Ducati, ma la sorpresa negativa viene da Maverick (6° dopo una caduta), Valentino (12°) e Marc (14°)

Dani Pedrosa in azione sulla sua Hond
Dani Pedrosa in azione sulla sua Hond Michelin

JEREZ DE LA FRONTERA – Svanisce la pioggia, nel pomeriggio del venerdì a Jerez, ma non la superiorità della Honda. A sorpresa, la seconda sessione di prove libere conferma la Rcv davanti alla favorita Yamaha nel Gran Premio di Spagna: il miglior tempo, come nel turno inaugurale bagnato, va a Dani Pedrosa, davanti ai compagni di marca satellite Jack Miller e Cal Crutchlow. Bella zampata anche per le due Ducati di Jorge Lorenzo, che si inserisce al quarto posto ma staccato di ben otto decimi, e Danilo Petrucci, quinto. Risale in sesta posizione sul finale, invece, Maverick Vinales, finito per terra alla curva 9 dopo un quarto d'ora e costretto a tornare ai box a piedi perché la sua M1 non si riaccendeva.

Gli altri big più attesi sono invece molto lontani
Andrea Dovizioso è nono, Valentino Rossi dodicesimo a 1.2 secondi, Marc Marquez quattordicesimo a 1.4. La terza sessione di prove libere della MotoGP è in programma domani alle 9:55.