18 gennaio 2020
Aggiornato 06:00
Calcio

Albertini nome caldo del nuovo Milan

L’ex centrocampista piace alla proprietà cinese ed avrebbe tutte le caratteristiche per entrare nell’organigramma dirigenziale rossonero dalla prossima stagione.

Demetrio Albertini è stato una colonna del Milan dal 1991 al 2002
Demetrio Albertini è stato una colonna del Milan dal 1991 al 2002 ANSA

MILANO - La nuova proprietà cinese del Milan punta forte su Demetrio Albertini per un ruolo dirigenziale all’interno del club rossonero. L’ex centrocampista convince da tutti i punti di vista: milanista doc, giovane ma con discreta esperienza in Federazione, elegante, carismatico ma silenzioso, nonché disponibile ad un ritorno a Milanello nonostante qualche leggera frizione del passato, accentuata da alcuni tweet dell’ex centrocampista contro i troppi interisti (Fassone e Mirabelli) nel Milan cinese che andava prendendo forma. Piccoli ostacoli facilmente sormontabili con la presa visione di un progetto serio ed ambizioso, oltre alla possibilità per Albertini di ricoprire un incarico rilevante nel nuovo Milan e non di sola rappresentanza; troppo politico per convivere con Fassone, prossimo amministratore delegato rossonero? Assolutamente no, almeno stando a quanto pensano i nuovi proprietari, convinti anzi che l’ex calciatore possa essere prezioso tanto allo stesso Fassone nella gestione manageriale del club, quanto al direttore sportivo Mirabelli nella conduzione sportiva.