17 gennaio 2021
Aggiornato 04:00
Il compagno di squadra è il primo avversario

Valentino Rossi e Maverick Vinales, una storia di amore e odio

Dopo le scintille con Jorge Lorenzo, il rapporto tra il Dottore e il suo nuovo vicino di box in Yamaha sembra idilliaco. Ma solo per ora. Basterà che i due incrocino le ruote in pista, infatti, perché le cose cambino, e in fretta

In primo piano Valentino Rossi, sullo sfondo Maverick Vinales
In primo piano Valentino Rossi, sullo sfondo Maverick Vinales Michelin

ROMA – Dalla guerra intestina con il suo ex compagno di squadra Jorge Lorenzo, Valentino Rossi è piombato direttamente nella luna di miele con il suo nuovo vicino di box Maverick Vinales. Dalla vecchia atmosfera da separati in casa che si respirava fino all'anno passato, oggi la Yamaha è passata a vivere un rapporto di grande rispetto e di aperta stima tra il suo vecchio campione e il giovane emergente. «Maverick è uno tosto – ha dichiarato recentemente ai suoi il Dottore – e può ancora migliorare molto. Sono comunque contento perché saremo un team molto forte, io ho l'esperienza dalla mia, lui è giovane e siamo due buoni piloti». E quelle di Vale non sono solo parole: la sua amicizia con il 22enne spagnolo l'ha dimostrata con i fatti, prima partecipando alla sua festa di compleanno organizzata dal team principal Lin Jarvis, poi addirittura prestandogli il suo fido designer Aldo Drudi per dipingere il nuovo casco. Rossi, del resto, sembra del tutto ricambiato, visto che le prime parole di Top Gun dopo la firma del suo nuovo contratto sono state: «Ho scelto la Yamaha perché essere al fianco di Valentino è una occasione unica per un giovane pilota di imparare dal migliore».

Vi ricorda qualcuno?
Ed è proprio a questo punto che i maligni hanno iniziato a sospettare sulla reale sincerità dell'iberico. Le sue, infatti, suonano tanto come le dichiarazioni di ammirazione che Marc Marquez era solito ripetere fino a un paio di stagioni fa. Com'è andata a finire lo sappiamo tutti: da presunto allievo del fenomeno di Tavullia, Magic Marc si è trasformato nel suo nemico pubblico numero uno. Accadrà così anche con Vinales? Valentino Rossi sta allevando nel suo seno la serpe pronta a morderlo, non appena i due si ritroveranno in un confronto diretto per il Mondiale? Il loro è un vero matrimonio d'amore o è piuttosto animato da semplice interesse? Certo, Maverick non è un ragazzo spigliato e disinvolto quanto il rivale della Honda, ma neppure chiuso e ombroso del suo predecessore Lorenzo, l'unico compagno di squadra in carriera capace di battere Rossi. Eppure, visti i precedenti, stavolta il nove volte iridato sembra ben consapevole del rischio che la convivenza con il suo nuovo vicino possa esplodere al primo duello in pista. «Sono un po' preoccupato perché è un altro compagno di quelli buoni, ha 22 anni e andrà migliorando», ha aggiunto infatti lo stesso Valentino aggrottando le sopracciglia. Per ora ci sta pensando la stessa Yamaha, stufa degli snervanti attriti degli ultimi anni, a lanciare al mondo un'immagine di armonia interna tra i suoi due piloti, in vista del loro primo incontro ufficiale giovedì 19 alla presentazione della nuova moto a Madrid. Ma, a dispetto dei buoni propositi, la verità vera la conoscono anche loro: potrebbe bastare una manciata di Gran Premi perché Valentino Rossi e Maverick Vinales scoprano che tra le rose e i fiori del loro rapporto si nascondono anche tante spine.