25 maggio 2019
Aggiornato 10:00

L’agente di Bacca conferma: «Piace in Cina»

Trovano conferma le voci di un presunto interessamento per l’attaccante colombiano di diversi club cinesi. Il suo agente non nega, pur ribadendo la volontà del suo assistito di restare al Milan. La sensazione però è che da qui alla fine del mercato tutto può ancora accadere.

MILANO - Ora che è arrivata anche la conferma da parte dei diretti interessati, non si potrà più parlare di indiscrezioni e di sussurri di mercato: «È vero, alcune squadre cinesi sono interessate a Carlos Bacca», ha ammesso Sergio Barila, agente dell’attaccante colombiano, ai microfoni di calciomercato.it

L’ipotesi di una cessione del numero 70 rossonero al momento è ancora prematura, come ha ribadito il procuratore del centravanti dei Cafeteros: «Lui é contento al Milan e vuole restare. È venuto a Milano per vincere e dopo la Supercoppa vuole conquistare altri trofei in rossonero. Per Carlos è stato un successo importante sia a livello individuale e collettivo. Vincendo si acquisisce lo spirito giusto anche per il futuro».

Le sirene cinesi

Ma da qui al 31 gennaio, ultimo giorno del mercato invernale, non sono esclusi colpi di scena e per più di una ragione. Innanzitutto perchè abbiamo visto crollare fior di campioni (gli ultimi della lista Tevez, Oscar e Witsel) sotto i colpi delle scintillanti lusinghe cinesi e delle loro proposte milionarie, e poi perchè il Milan è alla disperata ricerca di fondi per sovvenzionare la campagna acquisti di gennaio e i milioni provenienti dall’estremo oriente rappresenterebbero una discreta fonte di sostentamento da qui al momento del closing con i cinesi di Sino-Europe Sports, previsto per i primi giorni di marzo 2017.

A digiuno da 3 mesi

Ecco perchè malgrado le ripetute dichiarazioni d’amore di Bacca - e del suo solerte agente - al Milan, c’è da aspettarsi di tutto. Alle prese con il più lungo digiuno della sua carriera (l’ex centravanti del Siviglia non segna in campionato dal 2 ottobre, quando timbrò il cartellino su rigore contro la Lazio), il numero 70 di Puerto Colombia non è mai entrato definitivamente nel cuore del popolo milanista e la sensazione è che i tifosi rossoneri non si strapperebbero i capelli all’ipotesi di un suo addio anticipato.