4 giugno 2020
Aggiornato 17:30
Calcio

Gattuso: "Non serviranno solo i soldi nel nuovo Milan"

Consigli e moniti dell'ex centrocampista rossonero in vista dell'avvento della proprietà cinese a Milanello

PISA - Gennaro Gattuso, indimenticato centrocampista del Milan con cui ha giocato dal 1999 al 2012 vincendo tutto in Italia e in Europa, ed attualmente allenatore del Pisa in serie B, ha parlato del passaggio di proprietà della sua vecchia squadra e dei rischi a cui potranno andare incontro i nuovi gestori milanisti: "Il Milan fatica da qualche anno - riconosce Gattuso - e spero vivamente che le cose possano cambiare in fretta e chiunque entri in società possa portare qualcosa di nuovo, idee vincenti perchè se ne sente davvero il bisogno. Penso che al nuovo Milan facciano ovviamente comodo parecchi soldi in cassa da spendere per rinforzare l'organico, ma attenzione, non basta l'abbondanza economica per tornare a vincere, serve anche una macchina organizzativa perfetta, come era negli anni in cui io ho giocato nel Milan. Nelle ultime negative stagioni è mancato anche questo, una società che prima era all'avanguardia si è trovata ad improvvisare e non soltanto perchè mancavano i soldi, sono venute a mancare anche le idee e le strategie». A Marco Fassone il compito di indivduare le persone giuste con la mentalità di riorganizzare il Milan e riportarlo ad un livello alto in Italia e competitivo in Europa, esattamente come fatto dalla Juventus dal 2011 in poi, esattamente come fatto dal primo Silvio Berlusconi, quello delle lungimiranti idee legate ad Arrigo Sacchi, a Fabio Capello ma non solo, legate all'obiettivo di creare una società che primeggiasse ininterrottamente in Italia, in Europa e nel mondo. E' stato così per 25 anni, dovrà tornare ad essere così fin dalla prossima stagione.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal