27 settembre 2021
Aggiornato 09:30
Calcio

Massaro: "Suso può far bene anche nel Milan"

L'ex attaccante rossonero crede ancora nelle qualità dello spagnolo, finora deludente a Milano e di ritorno dopo il prestito al Genoa

MILANO - Con il Genoa, nel prestito da gennaio a maggio, si è ben disimpegnato, realizzando 6 gol fra cui una doppietta nel derby contro la Sampdoria ed una tripletta col Frosinone. Suso, fantasista spagnolo di 23 anni, torna al Milan che ne detiene il cartellino e lo fa per non esser più girato altrove: l'iberico vuole dimostrare il suo talento anche a San Siro dove finora ha ricevuto solamente fischi, insulti ed inviti a cercarsi un mestiere, senza trovare neanche lo straccio di una rete nell'anno solare trascorso a Milanello. L'esperienza genovese potrebbe aver sbloccato un calciatore dalle indubbie doti tecniche, ma dalla personalità non ancora ben definita, restituendo al Milan un giocatore vero e forse utile per il tentativo di rilancio che i rossoneri si auspicano per la prossima stagione. Anche Daniele Massaro, indimenticato attaccante del Milan degli anni ottanta e novanta, è convinto che lo spagnolo possa raccogliere soddisfazioni anche a Milano: "Suso ha enormi qualità - afferma Massaro - e mi danno fastidio quei calciatori che a Milano o in altre grandi piazze si nascondono e poi esplodono altrove, in club più piccoli dove sono maggiormente protetti. Lo spagnolo ha tutto per potersi affermare anche al Milan, spero che i mesi in prestito al Genoa gli abbiano fatto bene e lo abbiano fatto maturare, perchè in quel caso il Milan avrebbe una risorsa in più".

Utile in quale Milan?

Resta da capire che tipo di Milan ci sarà negli anni a venire. Se il club rossonero sarà ceduto alla cordata cinese, allora il nome di Suso sarebbe utile solamente alla voce cessioni e potrebbe trovare fortuna in Spagna (dove lo vogliono Betis Siviglia e Villarreal) o in Italia col Genoa che lo riaccoglierebbe volentieri, e con Sassuolo ed Atalanta (dove Suso ritroverebbe Gasperini come allenatore) pronte ad investire sull'ex Liverpool. Qualora invece il Milan rimanesse nelle mani di Silvio Berlusconi, allora ecco che anche Suso tornerebbe buono per il riciclo di materiale umano a cui i rossoneri potrebbero attingere per costruire un organico più o meno dignitoso per conquistare un'onesta salvezza. In un Milan giovane ed italiano, magari con Giampaolo in panchina, Suso potrebbe addirittura essere una delle punte di diamante dell'ex club più titolato al mondo. C'era una volta il Grande Milan....