23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
L'incontro a Bologna

Stoner-Ducati, il ritorno comincia con un blitz

Prima visita, privata e segretissima, del fenomeno australiano alla sede della rossa di Borgo Panigale. Giusto il tempo per una chiacchierata con i vertici, di una presa di contatto con la moto e di una cena. Per vederlo in pista bisognerà attendere gennaio

BOLOGNA – Sulla carta sarebbe ancora un uomo Honda, visto che il suo contratto con la casa giapponese scadrà solo il 31 dicembre prossimo. Ma in realtà Casey Stoner ha già cominciato la sua nuova avventura in Ducati: o, per meglio dire, ha già compiuto il suo ritorno, visto che l'ambiente della rossa lo conosce fin troppo bene, avendoci corso per molti anni e anche vinto il suo primo Mondiale, l'unico (finora) della casa italiana in MotoGP. Ma, dopo tanti anni in Giappone, e dopo tanti cambi ai vertici di Borgo Panigale, serviva una nuova presa di contatto per il fenomeno australiano. Che dall'anno prossimo sarà di nuovo ufficialmente ducatista: non come titolare, beninteso, almeno per ora, ma come collaudatore di lusso e testimonial del marchio.

Conoscenza con gli uomini e con la moto
L'occasione ideale si è presentata ieri: una visita privata nella sede della Ducati, che doveva restare segretissima, se non fosse che i soliti ben informati ne hanno avuto notizia dopo pochi minuti. Sotto traccia sono invece rigorosamente rimasti i contenuti delle discussioni private che Stoner ha tenuto con l'amministratore delegato Claudio Domenicali e con il direttore generale Gigi Dall'Igna, e che si sono protratte anche a cena, proprio in un ristorante di Bologna, dove i tre sono stati raggiunti da altri membri della squadra, come il team manager Davide Tardozzi. Le indiscrezioni riportano che Casey ha avuto modo anche di vedere con i propri occhi il primo prototipo della nuova Desmosedici GP-X e di prendere le misure del sellino e della posizione di guida. Non manca molto, infatti, al suo primo rientro in pista con la tuta rossa: la Ducati non perderà tempo, e lo schiererà già dalla prima sessione di test assoluta del nuovo anno, in programma il 30 e 31 gennaio prossimi, insieme all'altro collaudatore Michele Pirro. Sarà dunque proprio lui a dare il battesimo dell'asfalto al mezzo con cui Andrea Dovizioso e Andrea Iannone correranno nella prossima stagione.

Anche le vacanze sono da ducatista
Per il momento, però, c'è ancora qualche settimana di tempo per godersi il meritato riposo. E le vacanze di Natale, che il Canguro trascorrerà negli Stati Uniti, al lago Tahoe, nelle montagne tra la California e il Nevada. Insieme a lui ci saranno l'inseparabile moglie Adriana, la piccola figlia Ally e un suo grande amico, Chaz Davies, anche lui pilota, in Superbike, e anche lui ducatista. Non c'è niente da fare, Casey Stoner, dopotutto, la Ducati ce l'ha proprio nel sangue.