2 giugno 2020
Aggiornato 14:00
Mercato piloti

Un ex iridato dalla MotoGP alla Sbk. Vale: «Ci mancherà»

Nicky Hayden, a 34 anni, lascia la classe regina del Motomondiale: dalla prossima stagione correrà nelle derivate di serie, cercando di diventare il primo pilota di sempre a vincere il titolo in entrambe le categorie delle due ruote

ROMA – Nicky Hayden lascia la MotoGP, per cercare di diventare il primo pilota nella storia a vincere il Mondiale sia nella classe regina che in Superbike. Il 34enne americano, che vinse il titolo iridato nel 2006, ha vissuto quest'anno la sua peggior stagione di sempre nei Gran Premi con il team Aspar, raccogliendo finora appena 13 punti. E, in mancanza di offerte da parte di squadre competitive per il prossimo anno, ha deciso di fare il grande salto e passare alle derivate di serie. «Questo sarà il mio ultimo anno in MotoGP: l'anno prossimo passerò alla Superbike con la Honda e il team Ten Kate – ha dichiarato in una conferenza stampa convocata alla vigilia del Gran Premio del Giappone – Questi ultimi due anni non sono andati cos bene. Non sono riuscito ad ottenere con la Honda Open risultati che mi permettessero di mantenere una moto di alto livello in MotoGP e ho sempre pensato che la Sbk fosse un'alternativa da poter provare. Mi piacciono quelle corse e ho avuto una bella opportunità. Sto invecchiando un po', ma mi diverto ancora a correre. Mi mancherà la MotoGP, ho corso per grandi team e lavorato con alcune ottime persone, ma nulla dura per sempre».

Il saluto del Dottore
Nicky Hayden aveva già corso in Superbike prima di approdare alla classe regina: non nel Mondiale, però, ma nel campionato americano Ama, che vinse nel 2003. Dopo aver fatto il salto nel Motomondiale, nel 2006 divenne il primo pilota a battere Valentino Rossi nella corsa al titolo dal 2000. I due si ritrovarono poi nel 2001 come compagni di squadra, quando entrambi divennero piloti ufficiali della Ducati. «Per la MotoGP è un vero peccato perdere Nicky – ha accolto la notizia il Dottore – perché è un grande pilota e un ottimo ragazzo, è sempre molto divertente passare il tempo con lui. Ho molti ricordi, perché fui il primo a vedere Nicky al suo arrivo in Europa dagli Stati Uniti, e ci divertimmo molto. Faccio anche parte del suo miglior momento, perché nel 2006 mi battè all'ultima gara laureandosi campione del mondo».

Le pedine del mosaico
Nel team Ten Kate, dove Hayden è approdato a causa del fallimento delle sue lunghe trattative con Aprilia, che rischia di ritirarsi dal Mondiale Superbike nel 2016, l'americano sostituirà l'ex iridato Sylvain Guintoli, passato alla Yamaha. Il team Honda delle derivate di serie non ha vinto nemmeno una gara in questa stagione e non è riuscito a tenere il passo dei migliori, ma per il 2017 si prevede il debutto dell'attesa nuova versione della Fireblade. Intanto, la sua attuale squadra in MotoGP, la Aspar, ha già firmato il contratto con il suo sostituto Yonny Hernandez, e si prevede che passi dalle moto Honda alle Ducati satellite.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal