4 dicembre 2021
Aggiornato 03:00
Verso il Gran Premio di Francia

Anche Mister MotoGP Carmelo Ezpeleta fa il tifo per Vale

Il patron del Motomondiale spinge il Dottore: «Può ancora lottare per vittorie e titoli: chi lo ha criticato ora deve tacere». Per la gara di Le Mans Rossi è fiducioso, ma non sottovaluta Marc Marquez: «Sarà molto forte»

ROMA – I numeri sono dalla sua parte. Il duecentesimo podio in carriera conquistato nell'ultima gara a Jerez; i 15 punti di vantaggio sul primo dei suoi inseguitori in campionato, Andrea Dovizioso; ma soprattutto i 26 sul rivale più atteso, Marc Marquez. Che di questi tempi, un anno fa, era reduce da quattro vittorie consecutive e di lunghezze di vantaggio ne aveva 28. Ma Valentino Rossi una cosa l'ha imparata, in tutti i suoi anni di esperienza vincente: mai sottovalutare gli avversari. Specialmente un due volte campione del mondo come lo spagnolo, che per giunta nel suo Gran Premio di casa un po' di questo distacco è riuscito a rosicchiarlo, grazie al secondo posto. Per questo, alla vigilia della corsa che li vedrà impegnati in Francia, a Le Mans, il capolista della graduatoria iridata professa ancora fiducia, ma allo stesso tempo rispetto verso il pilota della Honda.

Migliorare la messa a punto
«Sono felice di correre a Le Mans – afferma il Dottore – è una pista bella, diversa ogni anno. Di solito la gara è positiva per noi, la Yamaha e me, ma l'anno scorso i nostri avversari sono stati molto forti. E immagino che Marc lo sarà di nuovo quest'anno». Vale, però, è anche sicuro dei suoi mezzi: «Mi piace questo circuito, mi piace correre qui e la nostra moto sembra andare molto bene, specialmente domenica pomeriggio. Questo è positivo, perché dobbiamo lottare per il campionato. A Jerez non abbiamo vissuto un weekend perfetto: il terzo posto è stato buono, ma possiamo fare meglio. Jorge (il suo compagno di squadra Lorenzo, ndr) ha disputato un'ottima gara, questo dimostra che la nostra YZR-M1 sta andando benissimo. A Le Mans dovremo lavorare bene e mettere a punto meglio la moto. Sono fiducioso».

La spinta del capo
E la fiducia del nove volte iridato non può che essere ulteriormente accresciuta dalle parole di sostegno che gli sono arrivate nientemeno che da Carmelo Ezpeleta, patron del Motomondiale. Secondo l'amministratore delegato di Dorna Sports, promotrice del campionato, il pesarese è nella posizione di continuare a vincere gare e titoli in futuro: «È un'icona globale – dichiara –  La sua presenza in MotoGP è molto importante. La prova è che i giovani che arrivano nella categoria regina lo vedono come punto di riferimento e gli mostrano sempre grande rispetto. Ciò che Rossi ci ha dimostrato l'anno scorso è stato già più che sufficiente a chiarire che può ancora lottare per le vittorie. Chi lo ha criticato ora deve tacere, perché Rossi ha desiderio e motivazione per continuare a correre: si sente mentalmente pronto a vincere altre gare e altri campionati». E se a dirlo è il padrone della baracca...