3 ottobre 2022
Aggiornato 23:00
Scenari sportivi

Red Bull: «O la Audi entra in Formula 1 o ci ritiriamo»

I quattro volte campioni del mondo non ne possono più del motore Renault. E lanciano l'ultimatum. La casa dei quattro anelli, intanto, ragiona seriamente sul suo ingresso nel campionato: «È un'opzione», ammette il presidente Stadler

ROMA – La Red Bull non ne può più. Dopo quattro campionati del mondo consecutivi, le 'lattine' non possono davvero sopportare di arrancare nelle retrovie, addirittura umiliati dagli stessi fratellini minori della Toro Rosso, come è accaduto domenica nel Gran Premio di Spagna. E la colpa, principalmente, non è della monoposto, bensì del motore Renault, distantissimo dal leader Mercedes sia in termini di velocità che di affidabilità. Per questo Helmut Marko, consulente sportivo e braccio destro del proprietario del team Dietrich Mateschitz, lancia l'ultimatum: o arriverà un propulsore competitivo o la squadra lascerà la Formula 1. E di motorista candidato, all'orizzonte se ne vede solo uno: la Audi. «Di voci ne ho sentite tante – ha ammesso Marko alla Bbc – Ufficialmente non ci sono state richieste o trattative. Prima il gruppo Volkswagen deve decidere chi sarà il responsabile, chi gestirà il marchio, poi quando avranno risolto tutte queste questioni forse potranno pensare alla Formula 1. Ma lo ripeto chiaramente: se non avremo un motore competitivo nel prossimo futuro, ovverosia se non entrerà la Audi, noi ce ne andremo».

Ecclestone favorevole
Uno scenario che il patron della Formula 1, Bernie Ecclestone, è pronto a scongiurare con tutti i mezzi: «Non se ne andranno, voglio evitarlo – ha dichiarato – Capisco perché dicano questo e nemmeno io sono contento della situazione». Per questo, le porte sono spalancate per il costruttore tedesco: «Sarebbe bello se entrassero – commenta Ecclestone – Ma ammetto che con le regole già in vigore, e i loro rivali che le conoscono già da quattro-cinque anni, sarebbe difficile per loro. Anche la Honda sta avendo questo stesso problema. Ci vorrebbero una o due stagioni per recuperare». Eppure, nonostante la strada in salita, la casa dei quattro anelli sta pensando davvero ad un ingresso in Formula 1, stavolta seriamente. Le voci in merito sono circolate nel paddock per diversi anni, ma a sbloccare la situazione è stata la recente uscita dal gruppo Volkswagen del consigliere di amministrazione Ferdinand Piech, il più strenuo oppositore di questa ipotesi. Per giunta, ultimamente la Audi ha fatto campagna acquisti in F1, assumendo tra gli altri l'ex team principal Ferrari Stefano Domenicali.

Il presidente ci pensa
Questa settimana è arrivata anche una prima conferma ufficiale da parte del presidente Rupert Stadler: «L'ingresso in Formula 1? Nella vita bisogna essere aperti – ha risposto alla rivista inglese Auto Express – Siamo già pieni di progetti sportivi di successo. Ma, per quanto riguarda la Formula 1, aspettiamo e vediamo. Forse non accadrà in questo momento, ma decisamente è un'opzione per l'Audi». La massima serie dell'automobilismo li aspetta. Red Bull in testa.