5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30

L’ira di Garcia: «Basta sfortuna». Preso Ibarbo, ora è caccia al difensore

Mentre la sfilza di pareggi in campionato rende la corsa allo scudetto sempre più difficile, il diesse giallorosso Sabatini è al lavoro per sistemare la rosa a disposizione di Rudi Garcia. Chiusa l’operazione per Ibarbo si studia un’ipotesi di trattativa con il Tottenham per Kaboul, non più Chiriches. L’alternativa è l’ex Toloi.

ROMA - L’ennesimo pareggio casalingo (la Roma non vince in casa dal lontano 30 novembre quando i giallorossi ebbero la meglio sull’Inter per 4-2), ancora una volta contro il superbo Empoli di Sarri, ha ulteriormente scompaginato i piani del tecnico Rudi Garcia. Grazie al contemporaneo pareggio esterno della Juventus sul campo dell’Udinese i punti di distacco dalla vetta non sono aumentati, ma restano sempre 7, un’enormità visto il rendimento altalenante dei giallorossi. Se poi ci mettiamo che il Napoli invece continua a vincere e risale minaccioso domenica dopo domenica dalle retrovie, ecco che in casa Roma urge un attento esame di coscienza per capire come procedere onde evitare spiacevoli sorprese.

QUANTO MANCA GERVINHO - È vero che la coppa d’Africa ha procurato danni importanti alla squadra di Garcia e l’assenza contemporanea di Keita e Gervinho si è fatta sentire (il maliano, rientrato contro l’Empoli è stato uno dei migliori in campo), ma è impensabile che una squadra con ambizioni da scudetto riesca ad accumulare nelle ultime 8 partite ben 6 pareggi e due sole vittorie, peraltro in trasferta contro Genoa e Udinese ed entrambe molto contestate.

Il momento di difficoltà a Trigoria non lo nega più nessuno ma l’obiettivo è tirarsene fuori in fretta, magari anche grazie ai nuovi innesti che il direttore sportivo Walter Sabatini sta cercando di mettere a disposizione dell’allenatore francese. 

GARCIA: MOMENTO DIFFICILE, MA NE USCIREMO - Per il tecnico Garcia, uno dei principali fattori del momento no della Roma è la sfortuna, ma malgrado la sfilza di pareggi il morale è ancora alto: «Non è possibile che la sfortuna si accanisca così tanto e quando avremo tutti a disposizione, tranne Strootman che rientrerà la prossima stagione, saremo di nuovo fortissimi. È ovvio però che dobbiamo fare di più, è dalle difficoltà che si cresce. Il futuro della mia Roma lo decideremo noi con il nostro impegno, ma sia chiaro che faremo di tutto per vincere, per rendere orgogliosi i nostri tifosi e farli sentire padroni della situazione. Può sembrare azzardato dirlo adesso ma non voglio che la Roma sia solo al centro del villaggio; la voglio al centro dell'Italia e forse un giorno del mondo. Roma non è stata costruita in un giorno e lo stesso vale per la Roma. Dobbiamo avere pazienza. sappiamo che il momento è difficile e che bisogna fare di più, ma usciremo da questo momento».

BALDISSONI: il CAMPIONATO NON È FINITO - Sull’argomento è intervenuto anche il direttore generale della Roma Mauro Baldissoni, tornato a parlare di rimonta nel tentativo di scuotere un ambiente piuttosto abbacchiato dopo l’ennesimo pareggio: «Il campionato non è finito, recupereremo giocatori e ne stiamo acquistano altri. Le aspettative intorno a questa Roma sono un buon segno e conosciamo la responsabilità che ne consegue. È vero però che aver perso pilastri importanti sta pesando molto, oltre al fatto che può capitare di affrontare periodi di scarsa brillantezza. Una cosa però voglio ribadirla: miglioreremo la squadra e le sue ambizioni. Ogni volta che i tifosi sono delusi e arrabbiati, sappiano che noi lo siamo dieci volte di più. Siamo consapevoli di avere le capacità per andare in campo e vincere e se non ci si riesce è per una cattiva prestazione, non per scarso impegno o scarsa volontà».

IBARBO È UN NUOVO CALCIATORE DELLA ROMA - Nella giornata di ieri intanto, con un comunicato ufficiale, la società giallorossa ha ufficializzato il trasferimento di Victor Ibarbo, attaccante del Cagliari: «L’AS Roma SpA rende noto di aver raggiunto l’accordo con il Cagliari Calcio SpA per l’acquisizione a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2015, dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Victor Ibarbo, a fronte di un corrispettivo di 2,5 milioni di euro. L’accordo prevede inoltre il diritto di opzione per l’acquisizione a titolo definitivo, da esercitarsi al termine della stagione sportiva 2014/2015, per un valore di 12,5 milioni di euro».

Un affare importante che rende ancora più delicato ed importante il confronto a fine stagione tra le due società, quando ci sarà da decidere il destino di Astori, Nainggolan e appunto Ibarbo.

IN DIFESA KABOUL O TOLOI - L’ultimo tassello del mercato giallorosso riguarda la difesa, settore nel quale la Roma ha mostrato più di una lacuna, se non altro numerica alla luce del lungo stop del brasiliano Castan. Viste le difficoltà riscontate nel tentativo di accaparrarsi il rumeno Chiriches, roccioso difensore centrale del Tottenham, Walter Sabatini sarebbe sulle tracce di un altro calciatore degli Spurs, il francese Younes Kaboul, classe ’86 ed in scadenza di contratto giugno 2016. La Roma conta di poterlo strappare al club londinese per una cifra non superiore ai 6 milioni di euro, ma intanto si pensa già alla possibile alternativa che ha il nome ed il volto familiare di Rafael Toloi, già visto con la casacca giallorossa ed attualmente in forza al San Paolo. Ancora poche ore e ne sapremo di più.