31 maggio 2020
Aggiornato 19:30
Calcio | Sampdoria

Ferrero: «Eto'o? Ora lo chiamo e vedo dov'è»

Tutto esaurito in casa Sampdoria nel giorno in cui la formazione blucerchiata presenta Alberto Frison, Andrea Coda, Joaquin Correa e Luis Muriel. Aspettando l'annuncio di Eto'o.

GENOVA - Tutto esaurito in casa Sampdoria nel giorno in cui la formazione blucerchiata presenta Alberto Frison, Andrea Coda, Joaquin Correa e Luis Muriel. Aspettando l'annuncio di Eto'o. «Oggi vi ho parlato altre 4 perle e forse domani ce ne saranno altre. Il derby lo vinciamo noi 4-1 e guai a chi tocca i mia ragazzi» dice il presidente Ferrero. «Eto'o? Ora lo chiamiamo e vediamo dov'è». Il ds Osti conferma: «Siamo ai dettagli con L'Everton». E' anche il giorno di Muriel arrivato al termine di una trattativa lunga. «Sono contento - dice - a volte mi dicevano che era fatta, poi che dovevo tornare. Alla fine siamo riusciti a finirla bene. Sono stato sul punto di piangere perché sentivo che non ce la facevo più».

Obiettivo ripetere Lecce: «Devo recuperare dall'infortunio per stare bene e dimostrare tutto quello che posso. A Genova c'è l'atmosfera giusta. Io voglio essere al 100% e se ci vorrà un mese non ci sono problemi. Mi hanno detto di lavorare tranquillo Però ho voglia di giocare, anche da portiere. Ma se devo scegliere vorrei giocare con Eto'o». Se anche Coda parla di trattativa lunga («sono stati 12-13 giorni sofferti, da ieri sono felice»), Correa apprezza il paragone con Pastore e Frison vuole giocarsi le sue chanche.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal