23 agosto 2019
Aggiornato 02:00
Sport & Doping

Pellegrini «silura» la Kostner

La campionessa veneta prende posizione sul caso Schwazer: «Se mi fossi trovata nei panni di Carolina Kostner avrei mollato Filippo molti mesi prima». Malagò: «Frasi della Pellegrini accentuate, nulla contro Kostner». Intanto la Nazionale riprende con un collegiale a St.Vincent.

ROMA - «Se mi fossi trovata nei panni di Carolina Kostner avrei mollato Filippo molti mesi prima». Parola di Federica Pellegrini che, a margine della presentazione del videogioco Drive club, si è soffermata sulla vicenda di doping che vede coinvolto Alex Schwazer e le presunte coperture di Carolina Kostner. «Spero che chi si dopa venga messo dentro e buttino via la chiave perché noi ci facciamo un sedere così» ha detto la Pellegrini. Poi, riferendosi a Kostner e Schwazer ha detto: «Credo si sia trattato di una debolezza personale. Evidentemente non riusciva a tornare ai suoi livelli e questo è difficile per ogni atleta». La Pellegrini ha poi rivelato di avere sul cellulare un allarme ogni sera alle 22 per compilare la location form. «Può capitare una volta di dimenticarsi, forse due, ma tre diventa difficile».

DIVORZIO DA LUCAS - La Pellegrini ha anche parlato di Matteo Giunta, il tecnico che la segue dopo aver interrotto la collaborazione professionale con il francese Philippe Lucas. «I gufi portano fortuna, spero ce ne siano sempre più - ha detto - ogni volta che scendo in acqua c'è qualcuno che spera che io vada male». Divorzio da Lucas «è una brutta parola che hanno usato in molti. Preferisco avere un allenatore presente 24 ore al giorno. Matteo ha 32 anni, è giovane e forse a molti scoccia». Prossimo obiettivo migliorare «quella che considero la mia gara, i 200 stile». Nessuna dichiarazione, invece, sulla querelle tra il presidente della Federnuoto Barelli e quello del Coni Malagò.

MALAGÒ: FRASI ACCENTUATE - «Ho il sospetto che la notizia più è cattiva e più si tende a metterla spesso anche accentuando il tono. Ma se tutti proviamo a fare abituare i nostri lettori e l'opinione pubblica a crescere anche nella cultura di saper leggere la notizia forse non c'è bisogno di accentuarla». E' una reprimenda nei confronti di chi avrebbe manipolato le dichiarazioni di Federica Pellegrini quella del presidente del Coni Giovanni Malagò, chiamato in causa anche perché presidente del CC Aniene, il circolo della nuotatrice veneta. Malagò ha parlato a margine del seminario 'Dentologia e Sport' organizzato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei giornalisti a Roma, presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.
Per Malagò «Federica Pellegrini ha detto 'se io avessi un fidanzato che si dopasse lo lascerei'. La notizia oggi è uscita come Federica Pellegrini contro Carolina Kostner. Federica non ha nulla con Carolina, anzi ha un buon rapporto personale e si cala nel suo dramma». Il caso è quello del doping di Alex Schwazer e delle presunte coperture della fidanzata Carolina Kostner in occasione dei test a sorpresa. Per Malagò la Pellegrini dice «se avessi un fidanzato che facesse quello che ha fatto lo lascerei perché non potrei andare a compromessi. E' ovvio che denunciare un figlio, un marito e un padre ci pensi un minuto in più ma il risultato dovrebbe essere lo stesso».

COLLEGIALE A ST. VINCENT - Collegiale di ripresa per la Nazionale di nuoto che sarà, come di consueto, a Saint Vincent dal 28 settembre al 4 ottobre. Agli allenamenti sono stati convocati molti atleti degli Europei di Berlino e le due medaglie d'oro delle Olimpiadi giovanili di Nanchino quali Di Fabio e Sabbioni. La preparazione verterà sull'aspetto atletico e sul condizionamento aerobico e tecnico in acqua, che si svolgeranno alla piscina comunale del paese valdostano.
Il Direttore Tecnico Cesare Butini ha convocato 15 atleti (6 femmine e 9 maschi): Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia Unicusano), Diletta Carli (Fiamme oro/Tirrenica), Rachele Cerracchi e Elena Di Liddo (CC Aniene), Erika Musso (Fiamme Oro/Amatori Savona), Stefania Pirozzi (Fiamme Oro/CC Napoli); Nicolangelo Di Fabio e Gabriele Detti (Esercito/Team Lombardia), Luca Dotto (Forestale/Larus), Piero Codia (Esercito Aniene), Luca Leonardi (Fiamme oro/Azzurra 91), Marco Orsi (Fiamme Oro/Uisp Bo), Gregorio Paltrinieri (Fiamme oro/Coopernuoto), Simone Sabbioni (Esercito/Swim Pro), Michele Santucci (Fiamme Azzurre/Larus). Staff: Cesare Butini Direttore Tecnico, Stefano Morini e Caludio Rossetto Tecnici Federali, Marco Lancissi Preparatore Atletico, Roberto Crisari Fisioterapista.