25 aprile 2024
Aggiornato 09:30
Calcio - Serie A

Inzaghi si presenta: «Dobbiamo ricordare tutti cos'è il Milan»

La prima conferenza stampa da allenatore rossonero diventa un momento di celebrazione, ma anche un monito per i nuovi arrivati: «Per tornare a vincere dobbiamo ricreare il dna del Milan». Barbara Berlusconi entusiasta del nuovo tecnico: «Pippo può essere uno straordinario veicolo promozionale».

MILANO  - L’emozione è più grande di quella del primo giorno di scuola. Filippo Inzaghi sa perfettamente che la rinascita del Milan dipende da lui e soprattutto dal suo entusiasmo ed è consapevole della responsabilità che gli viene assegnata. Ma come ha sempre ha fatto durante la sua inarrivabile carriera da calciatore, Superpippo individua gli ostacoli e poi li affronta di petto: «Dobbiamo ricreare il Dna del Milan. Bisogna ricreare la voglia di venire ad allenarsi con il sorriso a Milanello. Per tornare a vincere, bisogna ricreare un gruppo. In questo momento serve un gruppo con principi e rispetto dei tifosi. Davanti all'entusiasmo dei tifosi mi sono venuti i brividi, spero siano venuti anche ai miei giocatori. Il primo ringraziamento va al presidente, a Galliani, a Barbara Berlusconi. Due anni fa, quando ho smesso di giocare, ho intrapreso questa strada sognando di arrivare un giorno ad allenare il Milan. Forse nell'ultima stagione ci si è dimenticati cos'è il Milan, ma io farò di tutto per ricordarlo ai miei calciatori».

B. BERLUSCONI: INZAGHI HA RIPORTATO ENTUSIASMO – Tocca a Barbara Berlusconi, amministratore delegato del Milan, presentare Filippo Inzaghi e dalle sue parole emerge quanto l’entusiasmo del nuovo tecnico rossonero sia contagioso: «Pippo è un gran fidelizzatore di passione e di persone, può essere uno straordinario veicolo di promozione per il Milan. Siamo allineati su tutto quello che servirà al Milan per l'aumento del valore del brand. Pippo ha portato entusiasmo e rigore all'interno del nostro settore giovanile, i risultati dimostrano quanto sia capace di creare profonde relazioni con i giocatori. Mi aspetto di vedere qualcosa di speciale da Stephan El Shaarawy, che lo scorso anno ha avuto diverse difficoltà. Ora si è presentato con un giorno di anticipo al raduno, mi aspetto che possa far gioire il pubblico».