5 dicembre 2020
Aggiornato 22:30
Calcio

Papa Francesco incontra il mondo del calcio: «L’aspetto economico non prevalga su quello sportivo»

Alla vigilia della finale di Coppa Italia che vedrà di fronte Fiorentina e Napoli, Papa Francesco lancia un monito importante alle delegazioni delle due squadre, della Federcalcio e della Lega. De Laurentiis si augura una gara combattuta davanti ad un pubblico «caloroso ma educato». Roma-Juventus di campionato spostata a domenica 11 maggio.

ROMA - Papa Francesco incontra il mondo del calcio e coglie l'occasione per lanciare un forte monito: stop alla logica affaristica, va recuperata la dimensione della festa. «Oggi il calcio si muove in un grande giro di affari, per la pubblicità, le televisioni etc. etc. Ma il fattore economico - sottolinea il Papa - non deve prevalere su quello sportivo, perchè rischia di inquinare tutto, sia a livello internazionale e nazionale sia a livello locale». Occasione del monito, l'udienza in Vaticano alle squadre della Fiorentina e del Napoli e alle delegazioni della Federcalcio e della Lega di serie A. Bergoglio, rivolgendosi ai dirigenti, evidenzia la loro importanza: «Il calcio in Italia, come in Argentina e in altri Paesi, - avverte - e' un fatto sociale, e richiede una responsabilità sociale, da parte dei calciatori, sul campo e fuori dal campo, e da parte dei dirigenti nazionali e locali».

DE LAURENTIIS: BELLA GARA, VINCA IL MIGLIORE - «Papa Francesco è un portiere di anime, ecco perché sia noi che la Fiorentina gli abbiamo regalato una maglia con il numero uno, che credo sia molto significativa». Così il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis uscendo da Città del Vaticano al termine della visita delle delegazioni delle due squadre domani sera finaliste della Coppa Italia, ovvero quella partenopea e la Fiorentina, da Papa Francesco. «E' stata una bellissima cerimonia quella di oggi, semplice e straordinaria - ha aggiunto De Laurentiis - Con Andrea Della Valle ci siamo salutati. Con i Della Valle siamo amici, siamo anche soci in altri affari e poi credo che ci siamo avvicinati nel mondo del calcio partendo tutti e due dalle serie inferiori e quindi con una grossa fatica, una grossa dedizione, ed una grossa pazienza. Auspici per la gara di domani? Domani sarà una gara estremamente combattuta, una bellissima gara, con lo stadio pieno. Ho visto le vendite dello stadio, abbiamo esaurito sia noi che la Fiorentina la disponibilità di biglietti a disposizione, quindi sicuramente sarà una gara piena di pulsioni da parte di un pubblico tifoso che sarà certamente caloroso, educata ma anche sportiva e che vinca il migliore».

ROMA-JUVENTUS SPOSTATA A DOMENICA 11 MAGGIO - La mancata qualificazione della Juventus alla finale di Europa League cambia il programma della penultima giornata di Serie A. La sfida tra Roma e Juve, che era stata fissata per venerdì 9 maggio alle ore 20.45, si giocherà infatti domenica 11 maggio, sempre alla stessa ora. L'incontro dell'Olimpico potrebbe però arrivare con i bianconeri già scudettati. La squadra di Conte già domenica potrebbe festeggiare se la Roma non dovesse vincere sul campo del Catania. In ogni caso, anche se i giallorossi di Garcia si riportassero a -5, lunedì una vittoria della Juve sull'Atalanta sancirebbe il terzo titolo consecutivo per Buffon e compagni.