Mal di schiena: video esercizi

Rigidità della colonna vertebrale: gli esercizi per renderla più flessibile e migliorare la postura

Alessandro Bovaro mostra a Diario Salute TV tre semplici esercizi per mobilizzare la colonna vertebrale e migliorare la postura. Bastano pochi minuti al giorno

In caso di rigidità, possiamo fare dei semplici movimenti per migliorare la nostra mobilità articolare a carico della colonna vertebrale, spiega Alessandro Bovaro, personal trainer a Torino. Ecco tre esercizi da fare comodamente a casa per allungare la colonna vertebrale e stare meglio.

Primo esercizio, in quadrupedia
«Ci si mette in quadrupedia, in appoggio sulle mani, e sulle ginocchia. Da una posizione neutra a schiena piatta andiamo a fare dei movimenti di spinta verso il soffitto andando a contrarre leggermente gli addominali. Portiamo il mento verso la base del collo e contraiamo leggermente i glutei per portare il sedere in avanti. Creiamo, così, un arco verso il soffitto. Poi, in direzione opposta, andiamo a creare una spinta verso il basso creando una curva verso il pavimento e portando lo sguardo in avanti. Ognuna di queste due posizioni va mantenuta il tempo di effettuare una respirazione completa. Un minuto di questo esercizio, fatto lentamente e attraverso la corretta respirazione, permetterà di mobilizzare la colonna vertebrale partendo dalla zona cervicale fino ad arrivare alla zona del sacro», continua Alessandro Bovaro.

  • Guarda anche: 3 esercizi per migliorare la circolazione delle gambe
    I consigli del personal trainer Alessandro Bovaro a Diario Salute TV «Quando si avvertono le gambe pesanti e affaticate, l’esecuzione di questi esercizi permette di renderle immediatamente più leggere».

Secondo esercizio: movimenti laterali
«Il secondo esercizio fa sempre eseguito in quadrupedia, schiena piatta, sguardo verso il pavimento per mantenere un allineamento corretto del collo con il resto della schiena. A questo punto andiamo a mobilizzare il bacino lateralmente. Andiamo a effettuare un movimento laterale cercando di non muovere le spalle e concentrarsi solo sulla muscolatura del tronco. Il tutto va eseguito lentamente verso sinistra e destra. Sono sufficiente trenta secondi – un minuto di movimenti controllati abbinati a una respirazione corretta».

Terzo esercizio: sdraiati su un fianco
«Nel terzo movimento sfruttiamo una posizione distesa su un fianco in modo tale da avere sempre la colonna in linea. Da questa posizione solleviamo leggermente da terra braccio e gamba destra, andando ad avvicinare gomito e ginocchio effettuando una spinta con il bacino verso l’interno. Durante l’estensione inspiriamo e nella posizione di chiusura andiamo a buttare fuori l’aria. Usiamo gli addominali per curvare bene la schiena. Anche qui utilizziamo, completamente, tutta la colonna vertebrale. Tutti e tre gli esercizi eseguiti lentamente e in maniera controllata vi permettono di evitare di creare delle tensioni sulla colonna vertebrale e migliorare così la postura», conclude Bovaro.