27 settembre 2021
Aggiornato 08:00
Indagine Doxa Pharma

Cresce il concetto di farmacia «dei servizi»

Tra i servizi a cui si orientano maggiormente i farmacisti emergono le attività di diagnosi, controllo e supporto terapeutico, oltre che quelle di formazione professionale

Cresce il concetto di farmacia «dei servizi»
Cresce il concetto di farmacia «dei servizi» ANSA

Cresce il concetto di farmacia «dei servizi», che si affianca alla cosiddetta «farmacia del benessere». Si tratta di un fenomeno che riguarda sia la percezione dei titolari stessi sia la segmentazione reale delle diverse tipologie di farmacia, che un'indagine di Doxa Pharma del 2021 fotografa soprattutto come il luogo della consulenza e della relazione (26%, +3% rispetto al 2020) e della capacità di gestione proattiva di numerose categorie merceologiche (24%, +3% rispetto al 2020).

Tra i servizi a cui si orientano maggiormente i farmacisti emergono le attività di diagnosi, controllo e supporto terapeutico, oltre che quelle di formazione professionale. Questi dati sono stati presentati nel corso di Cosmofarma 2021, nell'ambito della tavola rotonda «Il ruolo della farmacia nella nuova sanità del territorio» in cui sono stati presentati i dati del Barometro Farmacie 2021, la ricerca condotta da Doxa Pharma su 400 farmacie.

All'evento ha partecipato anche Alessandro Colombo, vicepresidente di Integratori Italia, in rappresentanza di un comparto che, nel banco del farmacista, è legato ai concetti di salute, benessere e prevenzione. Concetti che si integrano con il modello della «farmacia di relazione», nella quale viene sviluppata una relazione consulenziale col cliente.

Secondo recenti dati di New Line - Ricerche di Mercato, il fatturato del settore degli integratori in farmacia è aumentato del 4,5% da gennaio a giugno 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020. I segmenti che maggiormente stanno contribuendo alla crescita del canale farmacia sono gli integratori connessi al periodo pandemico, quali quelli legati al miglioramento delle funzioni immunitarie, le vitamine e i coadiuvanti del benessere mentale.

«Gli integratori rappresentano una categoria importante per il giro d'affari della farmacia - ha dichiarato Alessandro Colombo - e addirittura eccellente per aiutare il farmacista a sviluppare pienamente la sua professionalità di consulente della salute verso il consumatore, vantaggio che questo canale di vendita presenta rispetto ad altri in cui non c'è la presenza di un operatore».