23 gennaio 2019
Aggiornato 12:30

Aveva 300 attacchi epilettici al giorno. Ma l’olio di Cannabis l’ha (quasi) guarita

La mamma ha lottato per avere un farmaco a base di Cannabis e finalmente la piccola è tornata a nuova vita

L'olio di Cannabis ha (quasi) guarito una bambina con 300 attacchi al giorno
L'olio di Cannabis ha (quasi) guarito una bambina con 300 attacchi al giorno Shutterstock

Una bambina di nove anni, affetta da una forma gravissima di epilessia, assisteva a circa 300 attacchi al giorno. Si tratta di una condizione conosciuta come sindrome di Lennox, scaturita all’età di 4 anni. La sua vita era diventata estremamente complicata e non avrebbe mai più potuto vivere come una sua coetanea. Ma grazie all’uso dell’olio di Cannabis ora le cose sono cambiate e la piccola sta bene. Ecco tutti i dettagli della vicenda.

La sua storia

La bimba, di nome Teagan Appleby, vive nel Kent, ed è nata con la rara sindrome da cromosoma 15. Per questo ha avuto la diagnosi di una grave epilessia associata alla sindrome di Lennox all’età di 4 anni. Da quel momento in poi la qualità della sua vita ha assistito a un tragico declino. La piccola non poteva più neppure alimentarsi normalmente ed è arrivata al punto da richiedere un coma farmacologico a causa della frequenza delle sue crisi.

Il peggior caso di epilessia

I medici che l’hanno seguita hanno detto che era il peggior caso di epilessia a cui avevano assistito: la piccola è arrivata ad avere fino a 300 attacchi al giorno. La mamma, di nome Emma Appleby, ha dichiarato di aver chiamato l’ambulanza almeno una volta a settimana per diversi anni, fino ad arrivare all’ospedalizzazione. «Ha perso tutte le sue capacità - non ne ha avute molte perché aveva dei ritardi a causa dei suoi attacchi. Prima di avere l'epilessia, poteva correre in giardino e nutrirsi, ma ora è completamente dipendente da qualcuno che si prenda cura di lei. Stava perdendo anche l'abilità di masticare e deglutire. I medici hanno ammesso che Teagan aveva uno dei casi più gravi di epilessia che avessero mai visto. È così difficile da controllare», racconta Emma.

Con l’olio di Cannabis è rinata

Inutile dire che la mamma era disperata e ha organizzato una campagna di raccolta fondi per portare Tegan in Canada e avere a disposizione il THC, il composto principale della Cannabis. Tuttavia, il ministro dell'Interno, Sajid Javid, a ottobre aveva annunciato che l'olio di cannabis medicinale, incluso quello contenente THC, sarebbe stato legalmente disponibile su prescrizione in Inghilterra, Scozia e Galles a partire dal 1 °novembre. Tegan, perciò, ha avuto la possibilità di assumere l’Epidiolex, medicinale che contiene il cannabidiolo, ma non il THC (come promesso). Non si sa il motivo per cui non gli è stato fornito quello contenente il THC. Tuttavia, dal mese di luglio ha cominciato la cura sperimentale a base di olio di cannabis e da quel momento in poi la sua vita è cambiata. Inizialmente gli attacchi epilettici hanno cominciato a verificarsi solo durante il sonno e mai più in stato di veglia, poi i miglioramenti sono aumentati visibilmente giorno per giorno.

La lotta della mamma

La mamma ha lottato a lungo affinché la figlia potesse assumere farmaci a base di Cannabis e sembra esserci riuscita. Inizialmente aveva detto che sarebbe stata felice anche solo di un piccolo miglioramento. «Se hai un bambino che ha convulsioni 300 volte al giorno, saresti felice se si riducessero anche solo del 50 per cento. Tutto quello che sto cercando è una qualità di vita migliore per Teagan perché è straziante vederla soffrire. È sempre stata molto felice, molto affettuosa. Fortunatamente non capisce cosa sta succedendo, non soffre in questo modo. Non posso nemmeno farle fare un bagno, perché se dovesse avere un attacco, annegherebbe. È semplicemente orribile. La Cannabis potrebbe darle nuova vita». Dopo aver sperimentato l’uso della Cannabis, anche senza THC, la bambina ha cominciato a vivere una vita quasi normale ed è potuta finalmente tornare a vivere a casa con la sua famiglia.