15 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

Influenza, arrivano quattro virus: come riconoscerli e cosa non fare

Per la stagione influenzale 2018-2019 sono attesi almeno quattro virus. E, nel frattempo sono già in fase d’avvio le campagne vaccinali
Influenza
Influenza (Africa Studio | shutterstock.com)

Anche se molte persone sono già alle prese con tosse, catarro, mal di gola, febbre e via discorrendo, secondo gli esperti non si tratta ancora di influenza vera e propria. Saremmo infatti alle prese con i cosiddetti virus parainfluenzali, o simil-influenza. Giusto per avere un assaggio di quello che ci attende. A esserne interessati, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), sono per lo più i cittadini del Nord. Per tutti però, è in arrivo la ‘vera’ influenza stagionale. E, quest’anno, si parla di ben quattro virus – che si spera non siano virulenti come quelli della scorsa stagione che hanno provocato molti morti in tutta Europa e anche in altri Paesi.

Quando arriva?
Secondo il dottor Gianni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell’ISS, è difficile fare delle anticipazioni, tuttavia è probabile che l’influenza stagionale quest’anno faccia la sua comparsa già a novembre. I sintomi saranno più o meno gli stessi di sempre, con febbre che insorge improvvisa e sopra i 38 gradi Centigradi, accompagnata da brividi e dolori muscolari, tosse, mal di gola, naso chiuso. In questo modo è possibile riconosce che si tratta di influenza – anche se esistono ormai malattie, come quelle trasmesse dagli insetti (per esempio, le zanzare) che hanno sintomi simili e possono essere scambiate proprio per influenza. Il ricorso al medico, se si hanno dei dubbi in merito, è sempre consigliato.

Cosa evitare
Come purtroppo ancora alcune persone non hanno capito, l’influenza non si cura con gli antibiotici, poiché è causata da un virus e non da un batterio. Per cui, se non vi sono complicanze batteriche o non lo consiglia espressamente il medico, è bene evitare l’assunzione di questi farmaci che possono provocare altri problemi – da non ultima la pericolosa resistenza batterica.

Il sistema di controllo
Come ogni anno prende anche il via il sistema di controllo ‘Influnet’, che si basa sul monitoraggio di alcuni medici ‘sentinella, e monitora l’andamento del virus sui casi diffusi tra la popolazione. I virus della nuova stagione influenzale (2018-2019) dovrebbero essere quattro, secondo le previsioni. Questi, sono già presenti nel nuovo vaccino quadrivalente, di cui sono in fase d’avvio le campagne vaccinali rivolte in particolare ai soggetti a rischio come gli over 65, le donne al secondo e terzo mese di gravidanza, bambini, tutti coloro tra i 6 e 65 anni che soffrano di malattie croniche, gli operatori di servizi pubblici e sanitari, veterinari, polizia e vigili del fuoco. Anche se prima ci si vaccina meglio è, il consiglio è quello di farlo a partire dal mese di dicembre.