20 agosto 2019
Aggiornato 05:00
E-cig e salute del cuore

Le sigarette elettroniche raddoppiano il rischio di infarto

Secondo un nuovo studio, il rischio di attacchi di cuore è il doppio per gli utenti di sigarette elettroniche o e-cig. E se fumi entrambe, il rischio aumenta di 5 volte

Sigaretta elettronica
Sigaretta elettronica Shutterstock

L’uso di sigarette elettroniche, o e-cig, ogni giorno può quasi raddoppiare le probabilità di avere un infarto del miocardio o attacco di cuore. A sostenerlo è una nuova analisi che ha coinvolto circa 70mila persone, guidata dai ricercatori della Università della California a San Francisco (UCSF).

Peggio se mischi
La ricerca condotta dal prof. Stanton Glantz e colleghi non solo mostra che utilizzare la sigaretta elettronica raddoppia il rischio di infarto, ma che ancora peggio se si mischia l’uso di e-cig con le sigarette tradizionali in tabacco. Il rischio è maggiore di ben 5 volte, rispetto a coloro che non fumano.

Colmare le lacune
Glantz e colleghi hanno condotto quello è che è il primo studio a esaminare la relazione tra l’uso di sigaretta elettronica e attacchi di cuore. I risultati iniziano così a colmare le lacune circa la comprensione degli effetti delle sigarette elettroniche sulla salute a lungo termine. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine, mentre i dati raccolti sono stati presentati per la prima volta nel febbraio scorso a Baltimora durante la riunione annuale del 2018 della Society for Research on Nicotine and Tobacco.

Errate convinzioni sulla riduzione del rischio
«La maggior parte degli adulti che usano le sigarette elettroniche continua a fumare sigarette [tradizionali] – ha spiegato Stanton Glantz, professore di medicina UCSF e direttore del Centro UCSF per la ricerca e l’educazione sul controllo del tabacco – Mentre le persone possono pensare che stanno riducendo i rischi per la salute, abbiamo scoperto che il rischio di attacco di cuore dalle e-cig si aggiunge al rischio di fumare sigarette. L’uso di entrambi i prodotti contemporaneamente è peggiore rispetto all’utilizzo di uno dei due separatamente. Coloro che continuano a fumare ogni giorno mentre usano le sigarette elettroniche aumentano le probabilità di un infarto con un fattore di rischio pari a cinque».

Se però smetti…
Nonostante le funeste previsioni, la ricerca ha anche riportato alcune buone notizie se le persone hanno smesso di fumare. «Il rischio di infarto inizia a decadere immediatamente dopo aver smesso di fumare – sottolinea Glantz – I nostri risultati suggeriscono che la stessa cosa è vera quando si smette di usare le sigarette elettroniche».

Lo studio
La nuova ricerca ha coinvolto 69.452 persone che sono state intervistate tramite National Health Interview Surveys nel 2014 e nel 2016. Si tratta nello specifico di uno studio trasversale in cui intervistatori hanno chiesto di persona ai partecipanti se avessero mai usato sigarette elettroniche e/o sigarette tradizionali e se un medico o un altro operatore sanitario avesse detto loro che avevano avuto un infarto. Tra i 35.352 attuali ed ex consumatori di sigarette elettroniche, 333 (3,6%) hanno avuto un attacco cardiaco a un certo punto, con la percentuale più alta (6,1%) tra coloro che utilizzavano le sigarette elettroniche ogni giorno. Nell’analisi, un quarto delle 2.259 persone che attualmente utilizzavano le sigarette elettroniche erano ex fumatori di sigarette convenzionali e circa il 66% degli attuali utilizzatori di sigarette elettroniche erano anche fumatori di sigarette.

I risultati
In base ai dati acquisiti, i ricercatori hanno scoperto che le probabilità totali di avere un infarto erano pressoché le stesse per coloro che continuavano a fumare sigarette tradizionali ogni giorno e coloro che passavano all’uso quotidiano di sigarette elettroniche. Per quelli che hanno usato entrambi i prodotti ogni giorno, le probabilità di avere avuto un attacco di cuore sono state 4,6 volte superiori rispetto a chi non aveva mai usato nessuno dei due prodotti. I ricercatori hanno altresì spiegato che mentre c’era un «effetto duraturo» associato all’essere un ex fumatore, non vi era un aumento significativo del rischio di infarto miocardico per gli utilizzatori precedenti o (a volte) di sigarette elettroniche. Gli autori hanno anche suggerito che i rischi dell’uso della sigaretta elettronica possano dissiparsi rapidamente quando qualcuno smette di usarla; che alcune persone sperimentino brevemente le sigarette elettroniche e smettano di usarle prima che venga fatto un danno duraturo, o che le e-cig non siano state disponibili abbastanza a lungo da causare danni permanenti al sistema cardiovascolare. «L’unico modo per ridurre sostanzialmente il rischio di un infarto è smettere di usare il tabacco», ha detto Glantz.

Le sigarette elettroniche
Questo tipo di apparecchio fornisce tipicamente un aerosol di nicotina e altri aromi riscaldando un liquido. Le e-cig sono promosse come un’alternativa più sicura alle sigarette convenzionali, che generano l’aerosol di nicotina bruciando il tabacco. Mentre le e-cig forniscono livelli più bassi di sostanze cancerogene rispetto alle sigarette tradizionali, forniscono entrambe particelle ultrafini e altre tossine che sono state collegate a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e polmonari non tumorali.

Riferimento: Talal Alzahrani et al, «Association Between Electronic Cigarette Use and Myocardial Infarction», American Journal of Preventive Medicine (2018). DOI: 10.1016/j.amepre.2018.05.004.