24 luglio 2019
Aggiornato 07:00
Estrogeni e mal di testa

Mal di testa ed emicrania, nell’uomo la causa possono essere gli ormoni femminili

Gli estrogeni, gli ormoni femminili, secondo uno studio avrebbero un ruolo di primo piano anche nell'emicrania degli uomini

Mal di testa
Mal di testa Shutterstock

OLANDA – Cosa c’entrano gli ormoni femminili, o estrogeni, con il mal di testa degli uomini? A quanto pare c’entrano eccome, anche se potrebbe sembrare di no. Secondo un nuovo studio, infatti, gli estrogeni che già hanno un noto ruolo nell’emicrania per le donne, avrebbero anche un ruolo di primo piano nell’emicrania per l’uomo.

Una condizione invalidante
L’emicrania può assumere le fattezze di una condizione invalidante. E’ altresì considerata una disabilità neurologica, caratterizzata da frequenti attacchi di forti mal di testa. A soffrirne, in genere sono più le donne rispetto agli uomini (tre volte tanto), specie durante gli anni in cui sono fertili – ossia prima della menopausa. Dietro a questo fenomeno, si è da tempo accertato che possono esserci gli ormoni estrogeni. «Ricerche precedenti hanno scoperto che i livelli di estrogeni possono influenzare quando le donne hanno emicranie e quanto gravi possano essere, ma poco si sa se gli ormoni sessuali influenzano anche l’emicrania negli uomini – spiega l’autore dello studio WPJ van Oosterhout, MD, del Leiden University Medical Center In Olanda – La nostra ricerca ha rilevato un aumento dei livelli di estrogeni negli uomini con emicrania, così come i sintomi di bassi livelli di testosterone».

Lo studio
I ricercatori dei Paesi Bassi hanno coinvolto 17 uomini con un’età media di 47 anni che soffrivano di emicrania in media tre volte al mese. Dei partecipanti, nessuno stava assumendo farmaci noti per influenzare i livelli ormonali. I soggetti e i dati sono poi stati confrontati con 22 uomini senza emicrania. Tutti i partecipanti avevano un peso sano, e sono stati abbinati per età e indice di massa corporea (BMI). Dopo di che, i ricercatori hanno misurato i livelli di estradiolo, estrogeno e testosterone nel sangue. Hanno prelevato quattro campioni di sangue da ciascun partecipante in un solo giorno, e ogni tre ore di distanza. Per quelli con emicrania, i primi campioni di sangue sono stati prelevati in un giorno non emicranico e poi ogni giorno successivo fino a quando il partecipante ha avuto un’emicrania.

I risultati
Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Neurology, la rivista scientifica dell’American Academy of Neurology, hanno rivelato che gli uomini con emicrania avevano livelli più elevati di estrogeni durante le emicranie: 97 picomoli per litro (pmol/L), rispetto ai 69 pmol/L degli uomini senza emicrania. I livelli di testosterone erano invece simili per entrambi i gruppi. Ciò ha determinato un rapporto più basso tra il testosterone e gli estrogeni tra chi soffriva di emicranie (3,9), rispetto agli uomini senza emicrania (5,0). I livelli di testosterone aumentavano 24 ore prima dell’emicrania negli uomini che presentavano sintomi pre-emicranici come affaticamento, rigidità muscolare e voglie di cibo.

Una relazione con i sintomi
Inoltre, quando i partecipanti sono stati intervistati dai ricercatori sui sintomi che potrebbero avere una relazione con la carenza di testosterone come umore, energia e disturbi sessuali, si è scoperto che gli uomini con emicrania hanno più frequentemente riportato tali sintomi e i sintomi erano più spesso gravi. Un totale del 61% degli uomini con emicrania ha riportato tali sintomi, rispetto al 27% degli uomini senza emicrania. «Sono necessari ulteriori studi in popolazioni più grandi per convalidare i nostri risultati – ha precisato Van Oosterhout – Il ruolo esatto degli estrogeni negli uomini con emicrania, e se le fluttuazioni degli estrogeni possono essere associate con l’attività di emicrania, come avviene nelle donne, ha bisogno di essere completamente studiato».