25 febbraio 2021
Aggiornato 05:30
Siringhe come le zanzare

Le siringhe del futuro? Saranno come le zanzare

Ricercatori statunitensi hanno pensato di dar vita a delle siringhe indolori imitando la proboscide di una zanzara

Vero e proprio prodotto di tecnologia, le siringhe del futuro prenderanno spunto da una scienza ultra-avanzata: quella della natura. Ecco perché alcuni scienziati americani hanno ideato un sistema che imita quello adottato dalle zanzare. Grazie a un’analisi attenta, infatti, hanno pensato di ottenere un dispositivo medico in grado di iniettare una sostanza in maniera totalmente indolore. Dispositivo che, oltre a rappresentare una grande innovazione in campo sanitario, farà la felicità di molti bambini.

Siringhe di nuova generazione
Ad avere l’idea di siringhe realizzate con microaghi che imitano la tecnologia di cui sono dotate le zanzare, sono stati i ricercatori della Ohio State University in collaborazione con l'Indian Institute of Technology. Per partorire l’idea hanno osservato con attenzione la proboscide dell’insetto e hanno così rilevato quali sono i quattro elementi che sfrutta per non provocare alcun dolore. Il primo è un agente paralizzante, il secondo è quello di avere una forma seghettata, la terza è l’uso di una proboscide formata sia da parti dure che morbide e, infine, il quarto: una sorta di vibrazione che si mette in atto nel momento in cui avviene l’iniezione.

Prendiamo esempio dalla natura
«La ragione per cui guardiamo la natura per avere spunti per la scienza è che la natura ha attraversato così tanta evoluzione per scoprire i metodi più semplici ed efficienti. In questo lavoro ciò che ci interessava era il modo in cui le zanzare mordevano, dal momento che sono in grado di farlo per diversi minuti senza che ce ne rendiamo conto. Volevamo usarlo per vedere se potevamo sviluppare un microago indolore», ha spiegato a Digital Trends Bharat Bhushan, professore di ingegneria meccanica presso lo stato dell'Ohio.

Come sarà la siringa del futuro?
Secondo gli scienziati la siringa del futuro conterrà due micro-aghi. Il primo inietterà con effetto immediato un agente paralizzante e il secondo inietterebbe il farmaco o, nel caso, lo attirerebbe se fosse necessario un prelievo. Il tutto unito a un design seghettato (proprio come la proboscide delle zanzare) ma più morbido sulla punta e ai lati. Inutile dire che se mai un giorno questo genere di siringa verrà davvero mai messa in commercio, nessuno più avrà la fobia di fare iniezioni. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of the Mechanical Behaviour of Biomedical Materials.