22 febbraio 2020
Aggiornato 19:30
Caffè vegetali

Mangi poche verdure? Prova con il caffè a base di broccoli

L’ente di ricerca CSIRO ha ideato un caffè buono e salutare preparato con i broccoli. Ma le sorprese non finiscono qui

Il caffè a base di broccoli
Il caffè a base di broccoli Shutterstock

Sapete che le verdure fanno bene alla salute ma proprio non riuscite a mangiarle? Forse alcuni scienziati potrebbero aver trovato una soluzione al vostro problema: una bevanda a base di broccoli che somiglia molto al tanto amato caffè. Il suo nome, infatti, è broccoli coffee e si tratta di un escamotage ideato dall’ente nazionale di ricerca CSIRO per tutte quelle persone che avrebbero bisogno di integrare nella loro dieta importanti componenti nutrizionali. E tutti sappiamo come cavoli & co sono tra gli alimenti più ricchi di sostanze protettive che scongiurano temibili malattie come il cancro.

Una porzione di broccoli in una tazzina di caffè
Il prodotto è stato formulato dagli scienziati del CSIRO e da alcuni esperti agricoli del gruppo Hort Innovation. Per preparare il broccoli coffee bastano due soli cucchiai della polvere ottenuta in cui è racchiusa un’intera porzione dell’ortaggio. In due soli cucchiaini, infatti, si trovano fibre alimentari, vitamina E, B6 e manganese. Ma si può gustare anche in tanti altri modi: per esempio aggiungendola ad altri liquidi per formare una bevanda alternativa, nelle minestre, nei biscotti, nelle torte o nei frullati.

Spuntini a base di broccoli
E le sorprese non finiscono qui: gli scienziati non hanno messo a punto solo il broccoli coffee ma stanno pensando anche a formulare diversi (e gustosi) spuntini. L’idea è quella di apprezzare questo ortaggio, incredibilmente ricco di antiossidanti e sostanze anticancerogene, evitando gli scarti dei prodotti alimentari (come i gambi, per esempio) considerati benefici per la salute umana. Per ottenere la polvere, infatti, si userebbero i broccoli imperfetti, ovvero quelli che non sono così belli da essere commercializzati.

Dove si trova?
Al momento il broccoli coffee sarà disponibile in Australia, luogo in cui – proprio come in Italia – troppe poche persone consumano quantità insufficienti di ortaggi salutari. Presto, però, potrebbe anche essere disponibile nel nostro paese. «La ricerca indica che in media gli australiani ancora non mangiano la dose giornaliera di verdure, e opzioni come la polvere di broccoli aiuterà a ovviare al problema», ha dichiarato il Ceo di Hort innovation, John Lloyd.

Il prossimo passo
Il prossimo obiettivo, spiega la responsabile del progetto, Mary Ann Augustin, sarà quello di sviluppare ancor di più le potenzialità della polvere su un gruppo di consumatori più ampio. «Le polveri sono un'opzione per gli agricoltori che vogliono produrre ingredienti vegetali a valore aggiunto. Il team di CSIRO e Hort Innovation stanno discutendo potenziali applicazioni commerciali con produttori e gruppi di coltivatori in tutta l'Australia che sono interessati a ottenere la polvere sul mercato», conclude Augustin.

I benefici dei broccoli
I broccoli fanno parte di quell’ampio gruppo delle brassicacee che svolge un eccellente ruolo protettivo nei confronti della nostra salute. Per esempio, un recente studio condotto da dall’University of Western Australia, ha evidenziato come il consumo frequente di broccoli potesse ridurre la presenza di placche aterosclerotiche riducendo al minimo il rischio di infarto e ictus. «Questo è uno dei pochi studi che ha esplorato il potenziale impatto di diversi tipi di verdure nell’aterosclerosi subclinica, alla base delle più importanti malattie cardiovascolari», ha dichiarato Lauren Blekkenhorst, dell’University of Western Australia (Crawley). «Dopo aver adattato lo stile di vita, i fattori di rischio di malattie cardiovascolari (incluso l'uso di farmaci) e altri tipi di verdure e fattori dietetici, i nostri risultati hanno continuato a mostrare un'associazione protettiva tra le verdure crucifere e lo spessore delle pareti delle arterie carotidi. Di conseguenza, le linee guida dietetiche dovrebbero evidenziare l'importanza di aumentare il consumo di verdure crocifere per proteggersi dalle malattie vascolari», conclude Blekkenhorst.

Broccoli contro i tumori
I broccoli sembrano anche essere un valido aiuto per sconfiggere i tumori, specie quello del colon. Il merito sarebbe di uno dei suoi componenti principali: il sulforafano. Si tratta di un isotiocianato – ovvero una molecola che contiene un atomo di zolfo – che deriva dal glucosinolato. Durante la masticazione del vegetale viene rilasciato l’enzima mirosinasi: un composto prodotto anche dalla flora batterica intestinale dell’uomo che si trasforma, appunto, in sulforafano. «Numerosi studi hanno indicato che il sulforafano può colpire le CSC (cellule staminali del cancro) in diversi tipi di cancro attraverso la modulazione di NF-KB, SHH, transizione epiteliale-mesenchimale e Wnt / β-catenina. La terapia di associazione con sulforafano e chemioterapia in contesti preclinici ha mostrato risultati promettenti», si legge su Future Oncology. Ma i benefici si estendono anche ad altri tipi di cancro. «Gli effetti antitumorali del sulforafano (SFN) sono stati dimostrati in diverse neoplasie, tra cui il tumore del colon umano, della vescica, della prostata, delle ovaie, dei linfoblastoidi, del pancreas, del collo dell'utero e dei polmoni. Tuttavia, a nostra conoscenza, questo è il primo rapporto che dimostra la capacità del sulforafano di indurre la morte cellulare apoptotica, aumentare la chemiosensibilità e migliorare significativamente gli effetti antiproliferativi degli agenti chemioterapici e inibitori della telomerasi nelle cellule del carcinoma di Barrett (BEAC). […] SFN ha anche significativamente migliorato l'attività antiproliferativa di altri agenti antitumorali tra cui un agente chemioterapico, paclitaxel, utilizzato per il trattamento del carcinoma BEAC. Una combinazione di SFN e paclitaxel ha portato ad un aumento significativo della frazione di cellule apoptotiche».

Leggi anche: Broccoli e cavoletti di Bruxelles: ci proteggono da infarto e ictus
Un recente studio ha messo in evidenza come le verdure crucifere possano fungere da spazzini per le arterie scongiurando infarto e ictus

Broccoli, possono sconfiggere il cancro, anche quello del colon. Le ultime ricerche scientifiche
I broccoli si sono dimostrati veri e propri alleati nella lotta contro il cancro. Ottimi anche per il tumore del colon-retto

Fonti scientifiche:
[1] Future Oncol. 2013 Aug;9(8):1097-103. doi: 10.2217/fon.13.108. Targeting cancer stem cells with sulforaphane, a dietary component from broccoli and broccoli sprouts. Li Y1, Zhang T.

[2] Prev Nutr Food Sci. 2015 Mar; 20(1): 8–14. Published online 2015 Mar 31. doi:  10.3746/pnf.2015.20.1.8 PMCID: PMC4391535 Antioxidant and Anticancer Activities of Broccoli By-Products from Different Cultivars and Maturity Stages at Harvest Joon-Ho Hwang1,2 and Sang-Bin Lim

[3] Clin Cancer Res. 2010 May 1;16(9):2580-90. doi: 10.1158/1078-0432.CCR-09-2937. Epub 2010 Apr 13. Sulforaphane, a dietary component of broccoli/broccoli sprouts, inhibits breast cancer stem cells. Li Y1, Zhang T, Korkaya H, Liu S, Lee HF, Newman B, Yu Y, Clouthier SG, Schwartz SJ, Wicha MS, Sun D.

[4] Transl Oncol. 2010 Dec; 3(6): 389–399. Published online 2010 Dec 1. PMCID: PMC3000464 Anticancer Activity of a Broccoli Derivative, Sulforaphane, in Barrett Adenocarcinoma: Potential Use in Chemoprevention and as Adjuvant in Chemotherapy - Aamer Qazi,*,2 Jagannath Pal,†‡,2 Ma'in Maitah,*,2 Mariateresa Fulciniti,†‡ Dheeraj Pelluru,†‡ Puru Nanjappa,†‡ Saem Lee,‡ Ramesh B Batchu,* Madhu Prasad,* Christopher S Bryant,* Samiyah Rajput,† Sergei Gryaznov,§ David G Beer,Donald W Weaver,* Nikhil C Munshi, Raj K Goyal,‡ and Masood A Shammas