19 dicembre 2018
Aggiornato 16:00

Diabete: 3 cose che puoi fare per ridurre la glicemia

Le ultime ricerche scientifiche che indicano metodi semplici e naturali per ridurre l’iperglicemia, il diabete e le malattie cardiovascolari

Diabete, rimedi naturali
Diabete, rimedi naturali (Shutterstock.com)

Il diabete è una malattia cronica che colpisce – solo nel nostro paese – oltre 3 milioni di persone. La patologia è caratterizzata dalla presenza di livelli elevati di glucosio a causa di una resistenza insulinica. Quest’ultimo è un ormone prodotto dal pancreas al fine di permettere l’ingresso di glucosio nelle cellule e quindi di essere sfruttato come fonte energetica. I sintomi cominciano a manifestarsi quando tale sostanza si accumula nel circolo sanguigno. Ma esistono 3 soluzioni che chiunque può mettere in pratica per controllare in maniera ottimale il diabete e l’iperglicemia.

La dieta? Non è solo una questione di zuccheri
Tutti sappiamo che i pazienti diabetici devono controllare l’alimentazione, soprattutto per quanto concerne il consumo di cibi ricchi di zuccheri e ad alto indice glicemico. Tuttavia, una recente ricerca pubblicata su Nutrients - e condotta da alcuni studiosi provenienti dal Physicians Committee for Responsible Medicine Nutrients - ha messo in evidenza che questo accorgimento non è sufficiente. È altresì importante seguire una dieta vegana, la quale sembrerebbe migliorare l'attività del pancreas (in particolare delle cellule Beta) e la sensibilità all'insulina. «Lo studio – ha commentato la dott.ssa Hana Kahleova – ha importanti implicazioni per la prevenzione del diabete, poiché dimostra come il cibo sia davvero una medicina, e una dieta sana a base di vegetali possa fare molto per prevenire il diabete».

Il sole aiuta i pazienti diabetici e cardiopatici
Fino a poco più di mezzo secolo fa la maggior parte della gente trascorreva molto tempo nei luoghi aperti, specie le persone che vivevano nelle campagne. Ora passiamo davvero poche ore all’aria, specie al sole. E questo problema potrebbe peggiorare la condizione dei pazienti diabetici. Il sole, è un elemento essenziale per la nostra salute, compresa quella cardiaca. Non è insolito, infatti, che le persone affette da diabete possono anche essere soggette a patologie cardiovascolari. Ma grazie all’esposizione solare il rischio potrebbe ridursi notevolmente. A suggerirlo è un recente studio pubblicato su Nanomedicine e coordinato dal dottor Tadeusz Malinski. Secondo i risultati ottenuti, una miglior produzione di vitamina D stimolata dai raggi solari, aumenta il rilascio di ossido nitrico. Si tratta di una sostanza in grado di regolare il flusso sanguigno prevenendo la formazione di coaguli. «Non esistono molti, se non nessuno, sistemi noti che possono essere usati per ripristinare le cellule cardiovascolari che sono già danneggiate e la vitamina D può farlo – dichiara il dottor Malinski – Questa è una soluzione molto economica per riparare il sistema cardiovascolare. Non dobbiamo sviluppare un nuovo farmaco. Ce l'abbiamo già».

Lava bene i denti
Può sembrare un gesto insignificante ma lavare bene i denti sembra essere strettamente correlato con la salute dei pazienti diabetici. A stabilirlo è una recente ricerca condotta dall'Università di Barcellona la quale ha condotto uno studio su 90 pazienti affetti da diabete di tipo 2. Ogni persona ha ricevuto dei trattamenti dentistici per sei mesi in grado di migliorare la salute orale. Nel mentre, i ricercatori hanno eseguito diverse analisi come la rilevazione della flora batterica della bocca e i livelli di emoglobina glicata. «La conclusione principale è che il trattamento non chirurgico della parodontite migliora lo stato glicemico e i livelli di emoglobina glicata, e quindi lo studio dimostra la grande importanza della salute orale in questi pazienti», conclude José López, coordinatore dello studio.

Mangia alimenti fermentati
Molti studi hanno messo in evidenza come il consumo costante di alimenti fermentati possa essere alla base del mantenimento di un’ottima salute. In particolare, quelli ricchi di lattobacilli – come lo yogurt e il kefir – riducono i livelli di glicemia e il rischio di diabete.