20 maggio 2019
Aggiornato 11:00
Anacardi e ipertensione

Gli anacardi possono combattere l’ipertensione e migliorare il colesterolo

Gli anacardi, così come altra frutta secca, sembrano essere un buon rimedio per tenere sotto controllo ipertensione e colesterolo alto

Anacardi e pressione arteriosa
Anacardi e pressione arteriosa ( Shutterstock )

Siamo soliti mangiare la frutta secca nei mesi invernali, specie durante le feste. Nella nostra tavola si trovano le noci, le nocciole e le arachidi. Ma è più raro trovare gli anacardi. Ed è un vero peccato perché pare che alcuni scienziati li abbiamo recentemente promossi a superfood. Tra i tanti benefici collegati al suo consumo ci sarebbe anche la possibilità di migliorare la pressione arteriosa. Ecco i risultati della ricerca pubblicati sul Journal of Nutrition.

Troppi grassi?
Spesso gli esperti parlano molto bene della frutta secca, ma dicono di porre attenzione a un consumo eccessivo a causa dei grassi contenuti. In realtà non c’è bisogno di temerli, anche perché – oltre ai lipidi – contengono anche un mix di sostanze che aiutano a mantenere il peso forma. D’altro canto, gli anacardi sembrano essere anche in grado di proteggere l’apparato cardiovascolare grazie alle loro virtù anti-ipertensive.

Migliora anche il colesterolo buono
Un’altra positiva scoperta risiede nel fatto che gli anacardi sembrano aiutare ad aumentare il colesterolo buono. Per arrivare a simili conclusioni, i ricercatori hanno condotto uno studio su 300 persone affette da diabete di tipo 2, i quali soffrivano tutti di ipertensione. A metà di loro è stato chiesto di consumare 30 grammi di anacardi crudi al giorno, non salati. Al termine dello studio, durato tre mesi, tutti i pazienti (che avevano consumato anacardi) avevano assistito a una riduzione della pressione sanguigna.

Nessun effetto negativo sul peso
Come era facilmente intuibile nessuno dei pazienti ha assistito a una variazione negativa in termini di peso corporeo. La stessa cosa dicasi per la quantità di zuccheri a livello ematico. La frutta secca, in genere, è ricca grassi monoinsaturi (MUFA) e grassi polinsaturi (PUFA), oggi etichettati dalla scienza come grassi buoni in grado di proteggere l’apparato cardiovascolare.

Gli anacardi sono diversi
A differenza di noci e mandorle, gli anacardi sono leggermente differenti in termini di grassi, perché presentano dosi più elevate di saturi. Per questo motivo in passato non hanno goduto di ottima fama. «Circa il 20% del grasso degli anacardi è della varietà satura, volevamo verificare se questo tipo di grasso saturo ha un impatto sul colesterolo, ma non lo ha fatto», ha dichiarato il dottor V Mohan del Madras Diabetes Research Foundation. I ricercatori ricordano anche che gli anacardi sono salutari solo se assunti nella sua forma grezza e non cucinati insieme ad altri cibi.

I risultati
Dai risultati dello studio è emerso che i partecipanti che avevano assunto anacardi avevano avuto una riduzione della pressione arteriosa di circa 1,9 volte più alta rispetto ai partecipanti dell’altro gruppo. Ma non solo: aveva assistito a un aumento del colesterolo buono 16 volte più elevato. Gli studiosi ricordano anche che potrebbero rappresentare un’ottima fonte di proteine per tutte le persone che seguono una dieta vegana. Gli anacardi, infatti, forniscono circa 20 grammi di proteine ogni 100 grammi di parte edibile. Infine, è importante sottolineare che lo studio è stato finanziato dal Cashew Export Promotion Council of India (consiglio per la promozione delle esportazioni degli anacardi) e supportato dal ministro del commercio. Tuttavia, il dottor Mohan, ci tiene a precisare che questo non ha inciso sul risultato. «Avevamo chiesto loro di essere preparati per entrambi gli scenari - dove l'effetto finale poteva essere benefico o dannoso».