19 agosto 2019
Aggiornato 12:00
Colazione e aumento di peso

Saltare la colazione fa ingrassare

Secondo un recente studio, saltare la colazione può interferire con l'orologio interno del corpo e causare un aumento di peso, e il peggio è che vale anche se non si mangia troppo per il resto della giornata

Saltare la colazione fa mettere su peso
Saltare la colazione fa mettere su peso Shutterstock

ROMA – La prima colazione importante, tanto che per molti è ritenuta il pasto principale della giornata. Eppure, complice spesso la fretta o altri motivi, sono in molti che la saltano. E se da un lato ormai sappiamo che non fa del tutto bene questa abitudine, e nonostante ciò non si continua a non fare colazione lo stesso, qualcuno potrà forse ricredersi sapendo che saltandola si può ingrassare. E, il peggio, è che questo avviene anche se poi durante la giornata si sta a stecchetto –cioè si mangia poco.

Rottura del digiuno
Colazione, lo ricordiamo, significa letteralmente 'rompere il digiuno', quello che si è fatto durante la notte. Per cui si sa che, in media, si è almeno da otto ore che non si mangia – ma di solito è decisamente di più. Ecco perché la colazione è fondamentale. E poi il metabolismo del corpo, al mattino, è più attivo: per cui quello che si mangia a colazione viene appunto metabolizzato meglio. Se invece la si salta, il corpo non ottiene quello di chi necessita al momento più propizio. La conseguenza è che, poi, durante la giornata si ha più 'voglia' di alimenti grassi, zuccherati e via discorrendo. In sostanza alimenti poco sani che minano seriamente non solo la salute ma anche la linea.

Disturba l'orologio biologico
Secondo i ricercatori dell'Università di Tel Aviv (TAU) e dell'Università ebraica a Israele, saltare la colazione può disturbare l'orologio biologico interno. Questo, secondo lo studio, può provocare un aumento di peso, anche se poi durante il resto della giornata ci si modera nel mangiare. Oltre a ciò, saltare la colazione è stato collegato con l'obesità, il diabete di tipo 2, l'ipertensione e le malattie cardiovascolari. Tuttavia, quello che finora non era chiaro era proprio quale sia l'impatto dei tempi dei pasti sull'orologio interno del corpo. Per questo hanno cercato di dare una risposta i ricercatori israeliani.

Lo studio
Gli scienziati hanno coinvolto 18 volontari sani e 18 volontari obesi con diabete. Per comprender l'impatto dei pasti sull'orologio biologico, i ricercatori hanno tenuto conto dei loro schemi di colazione e pranzo, e in un giorno di prova che prevedeva solo il pranzo. In entrambi i giorni sono poi state eseguite delle analisi del sangue sui partecipanti per misurare l'espressione genica postprandiale del loro orologio biologico, il glucosio plasmatico, l'insulina e il peptide-1 così come glucagone-1 (iGLP-1) e dipeptidil peptidasi IV (DPP-IV). Dai dati raccolti, il team di ricerca ha scoperto quello che era l'effetto della colazione sull'espressione dei «geni dell'orologio» che regolano le risposte di glucosio e insulina post-pasto. «Il nostro studio dimostra che il consumo della colazione innesca l'espressione corretta del gene dell'orologio ciclico che porta a un migliore controllo glicemico – ha spiegato la dott.ssa Daniela Jakubowicz della TAU – Il gene dell'orologio circadiano non solo regola i cambiamenti circadiani del metabolismo del glucosio, ma regola anche il nostro peso corporeo, la pressione sanguigna, la funzione endoteliale e l'aterosclerosi».

Migliorare il metabolismo
«La corretta tempistica dei pasti, come consumare la colazione prima delle 9:30 del mattino, potrebbe portare a un miglioramento dell'intero metabolismo del corpo, facilitare la perdita di peso e ritardare le complicanze associate al diabete di tipo 2 e ad altri disturbi legati all'età – sottolinea poi Jakubowicz – Sia negli individui sani che nei diabetici, il consumo della colazione ha acutamente migliorato l'espressione di specifici geni dell'orologio legati a una perdita di peso più efficace ed è stato associato a un miglioramento dei livelli di glucosio e insulina dopo pranzo».

Le differenze quando si salta la colazione
I ricercatori hanno osservato che vi erano differenze nel metabolismo dei partecipanti, quando questi saltavano la colazione. Nei giorni di prova che prevedevano solo il pranzo, infatti, saltando la colazione, i geni dell'orologio correlati alla perdita di peso erano sotto-regolati, portando a picchi di zucchero nel sangue e a scarse risposte di insulina per il resto della giornata. Tutto ciò suggerisce anche come saltare la colazione porti a un aumento di peso anche se non si sta mangiando troppo per il resto della giornata. «Il fatto che possiamo cambiare l'espressione del gene in sole quattro ore è davvero impressionante», conclude Jakubowicz.