17 ottobre 2019
Aggiornato 07:30
Perdita di capelli e rischio cardiovascolare

La calvizie precoce e i capelli grigi mettono a rischio il cuore

Gli scienziati del UN Mehta Institute of Cardiology and Research Centre hanno scoperto che perdere i capelli in giovane età, così come l'ingrigirsi, aumenta di cinque volte il rischio di malattie cardiache

Calvizie e malattie cardiache
Calvizie e malattie cardiache Shutterstock

ROMA – Di 'teste pelate' in giro se ne vedono sempre di più. E sono anche molti i giovani che perdono i capelli precocemente. Un fatto, questo, che dovrebbe dare da pensare. Se non c'è stato un 'botto di virilità' è probabile che le cause siano altre – e probabilmente a livello di salute generale. Tuttavia, i ricercatori del UN Mehta Institute of Cardiology and Research Centre di Ahmedabad, India, hanno concentrato la loro attenzione degli effetti della calvizie e dell'incanutimento precoci sulla salute cardiovascolare. Scoprendo che questi fattori aumentano di 5 volte il rischio di malattie cardiache.

Il rischio
A rischiare di più, secondo quanto emerso dallo studio presentato alla Conferenza annuale della Società Cardiologica dell'India, sono le persone sotto i 40 anni che soffrono di perdita di capelli e incanutimento precoci. Lo studio della Società Europea di Cardiologia che ha coinvolto oltre 2.000 giovani ha evidenziato che chi presentava queste condizioni era più soggetto alle malattie coronariche, rispetto a chi aveva ancora tutti i capelli o non erano ancora del tutto grigi. Essere calvi o grigi prima dei 40 anni, quando si tratta di malattie cardiovascolari, pare sia peggio che essere obesi, dato che l'obesità aumenta il rischio di 4 volte.

Malattia coronarica in aumento tra i giovani
«L'incidenza della malattia coronarica nei giovani uomini è in aumento, ma non può essere spiegata da fattori di rischio tradizionali – ha spiegato il dottor Sachin Patil, principale autore dello studio – L'ingrigire prematuro e l'alopecia androgenetica (calvizie maschile) si correlano bene con l'età vascolare indipendentemente dall'età cronologica e sono fattori di rischio plausibili per la malattia coronarica».

Lo studio
Per questo studio i ricercatori hanno confrontato 790 uomini che hanno sofferto di malattie cardiache nonostante avessero meno di 40 anni, e altri 1.270 uomini sani di pari età. Ai partecipanti sono stati dati dei punteggi in base all'aumentare dei livelli di calvizie di tipo maschile e sbiancamento dei capelli. I giovani con malattia cardiaca avevano una probabilità significativamente maggiore di essere prematuramente grigi o calvi rispetto agli individui sani. «La calvizie e l'ingrigimento precoce dovrebbero essere considerati fattori di rischio per la malattia coronarica – ha sottolineato il dottor Kamal Sharma, coautore dello studio – Questi fattori possono indicare un'età biologica, piuttosto che cronologica, che può essere importante nel determinare il rischio cardiovascolare totale. Attualmente i medici usano il buon senso per stimare l'età biologica, ma è necessaria una scala convalidata».

Le correlazioni
Gli esperti mondiali, alla presentazione dei risultati dello studio non sono rimasti sorpresi, e hanno infatti sottolineato che le correlazioni tra la calvizie precoce e l'incanutimento anch'esso precoce e le malattie cardiache erano già state osservate prima. Tuttavia, non è mai stato dimostrato un nesso causale. In particolare, si sa che follicoli piliferi in generale e dei capelli sono un bersaglio degli ormoni androgeni come il testosterone. Per questo motivo, si ritiene che la calvizie maschile precoce potrebbe riflettere delle difformità nelle risposte agli androgeni, e che queste potrebbero influenzare il rischio di malattie cardiache o coronariche.