15 novembre 2019
Aggiornato 07:00
Dieta della pizza

Dieta della pizza: fa dimagrire senza rinunciare al gusto

Una nuova moda vuole che si perda peso in maniera gustosa e salutare. È la dieta della pizza: ecco come funziona. La ricetta per preparare una pizza in casa

La dieta della pizza
La dieta della pizza Shutterstock

Fa quasi sorridere che sia stata ideata una dieta a base di pizza. Eppure tant’è. Proprio come questo alimento tipicamente italiano, anche «esperti» di tutto il mondo, sfornano diete e regimi alimentari di ogni tipo. Che siano poi campati in aria o abbiamo un minimo fondo di verità, senz’altro non sta a noi a dirlo. Abbiamo comunque una piccola osservazione da fare: è indubbio che la quantità di carboidrati è eccessiva se si pensa che da tempo tali composti sono stati accusati di provocare malattie cardiovascolari e cancro. Senz’altro una dieta varia è più salutare. Ma vediamo nel dettaglio cos’è esattamente, la dieta della pizza.

La pizza non fa aumentare di peso?
Secondo alcune teorie, la pizza – di per sé - non farebbe aumentare di peso. Bisogna però che si seguano alcuni accorgimenti per avere a disposizioni delle proporzioni corrette tra proteine e carboidrati. Elementi essenziali alla nostra salute. Inoltre, nel caso della famigerata dieta della pizza, bisogna dare molto spazio ai vegetali.

Come si prepara queste pizza?
La pizza in questione dovrebbe avere alcune caratteristiche importanti. La prima è quella di non abbondare con i condimenti ed evitare quelle ricche di grassi, salumi, uova e insaccati. Via libera, invece, a una notevole quantità di verdure grigliate di ogni genere. Mentre gli ingredienti tradizionali sono consentiti: pomodoro, mozzarella olio extravergine di oliva e origano.

Quante calorie?
Una dieta della pizza prevede l’assunzione giornaliera massima di 1200 calorie. Bisogna però tener presente che 100 grammi di pizza hanno circa 266 calorie. E una pizza media pesa circa 300 grammi, quindi circa 800 calorie. Ciò significa che potete mangiare una o due pizze al giorno, purché non siano eccessivamente grandi. L’ideale è un peso di 150-200 grammi. In questo modo sono consentiti anche spuntini extra purché salutari come un frutto, uno yogurt o dei cereali. Infine, va ricordato che una dieta di questo genere – non proprio delle più complete – dovrebbe essere seguita generalmente per una o due settimane al massimo.

La ricetta della pizza per farla in casa
Preparare una pizza è molto semplice: avete solo bisogno di 500 grammi di farina semi integrale (o metà di frumento e metà di kamut), 10 grammi di lievito di birra fresco, 300 ml di acqua e 20ml di olio extravergine di oliva. Versate tutti gli ingredienti – escluso il lievito – nell’impastatrice, quindi unite il cubetto di lievito di birra sciolto in acqua tiepida. Cominciate a mescolare un po’, poi, aggiungete anche il sale. Continuate a utilizzare l’impastatrice per venti minuti. Il lavoro è facilmente riproducibile anche a mano. Ora collocate il panetto in un recipiente in ceramica leggermente oliato, coprite con un canovaccio e una coperta e lasciate lievitare il tutto per almeno 3-4 ore. Al termine, stendete con le mani la pizza in una leccarda da forno precedentemente oliata e farcitela con la passata di pomodoro, la mozzarella, l’olio extravergine di oliva e verdure grigliate. Infornate per dieci minuti et voilà! La pizza è pronta.