24 settembre 2021
Aggiornato 04:30
Parkinson e il test della spirale

Sei a rischio Parkinson? Prova a disegnare una spirale

Un nuovo test ideato da alcuni ricercatori australiani scova immediatamente la malattia di Parkinson già in atto determinando anche lo stadio della patologia

Una diagnosi facile e veloce che possa determinare il rischio di Parkinson, forse è ora diventato realtà. E l’idea è davvero semplicissima: mettere nelle mani del paziente una matita elettronica e chiedergli di disegnare una spirale. Dai risultati sarà quindi possibile determinare se la patologia è già in corso, nonostante l’assenza di sintomi. Ecco l’incredibile scoperta dei ricercatori dell’Università di Melbourne.

La soluzione
A volte si pensa a ideare soluzioni iper tecnologiche quando basta un metodo semplice e alla portata di tutti per identificare il problema. È il caso dell’innovativo metodo creato dai ricercatori della RMIT University di Melbourne. E non si tratta affatto di un lavoro banale, basato su chissà quali dati campati in aria. I risultati sono stati provati scientificamente e riportati sulla rivista Frontiers in Neurology.

Basta un tablet
Durante lo studio, i ricercatori hanno coinvolto una grande mole di pazienti affetti da malattia di Parkinson. Ognuno di loro presentava diversi stadi della patologia. Ai volontari è stato chiesto di disegnare una spirale per mezzo di una penna attaccata a un tablet. Allo scopo veniva adoperato un software in grado di rilevare sia la velocità che la pressione del tratto esercitato dalla penna. E la vera sorpresa è che proprio grazie a questo semplice programma installato nel tablet che si può discernere un paziente sano da uno affetto dalla malattia di Parkinson.

Come fa ad essere così preciso?
Ci sarebbe da chiedersi come può, un test così semplice, a essere anche così preciso. Il motivo è molto semplice: le persone affette da malattia di Parkinson presentano una certa rigidità dei movimenti che si evidenzia anche allo stadio iniziale. Quindi, quando si disegna una spirale si è costretti a farlo in maniera più lenta esercitando allo stesso tempo una forte pressione.

Rileva anche il grado della malattia
Un altro lato positivo del test del disegno è che il software è anche in grado di analizzare lo stadio della malattia. Secondo l’autore dello studio, Poonam Zham il test potrà essere utilizzato in un prossimo futuro in qualsiasi studio medico, persino da uno studio di medicina generale.

Cos’è la malattia di Parkinson
La malattia di Parkinson è una patologia di tipo degenerativo che presenta una progressione – per fortuna – abbastanza lenta. È caratterizzata da una degradazione dei neuroni con il risultato di una compromissione del controllo dei movimenti e dell’equilibrio. Pare che non si tratti affatto di un problema tipico dei giorni nostri, tutt’altro: sono state trovate descrizioni negli antichi testi indiani che risalgono a oltre 7.000 anni fa. Tra i sintomi principali ci sono la rigidità, la lentezza dei movimenti automatici, la perdita di equilibrio e il tremore a riposo – quest’ultimo, va sottolineato, non si presenta in tutti i pazienti. Generalmente tali sintomi si evidenziano maggiormente in un lato piuttosto che un altro.