18 gennaio 2021
Aggiornato 02:30
Rimedi naturali

Scaccia via la depressione: basta una manciata di semi di anice

I semi di anice aiutano a ridurre stanchezza, ansia e depressione. La scoperta degli scienziati di Teheran

La primavera è una di quelle stagioni che, a prima vista, sembra essere molto affascinate: il paesaggio rifiorisce e le temperature divengono più miti. Peccato che raramente possiamo goderci cotanta bellezza perché – specie nei primi mesi – ci si sente stanchi e depressi. Se questo è il vostro caso, potrebbe venirvi in aiuto un rimedio dal mondo della natura: i semi di anice.

Elimina il gonfiore e ti fa ritrovare il buonumore
L’anice verde è conosciuto da secoli dalla medicina popolare e dalla fitoterapia come uno dei migliori carminativi. Esso, infatti, ha la splendida peculiarità di eliminare i gas intestinali. Non è un caso, infatti, che in molti Paesi asiatici si ha l’abitudine di masticarne i semi dopo i pasti. Ma oggi si è scoperto che questi preziosi semini, che in realtà sono frutti, hanno anche la virtù di migliorare il nostro umore.

Via la depressione grazie all’anetolo
Uno dei suoi maggiori principi attivi, chiamato Anetolo, pare svolgere una spiccata attività antidepressiva. A suggerirlo sono stati alcuni ricercatori dell’Università di Teheran, in Iran. Secondo le loro ricerche l’estratto di frutti di anice riuscirebbe a ridurre drasticamente la sintomatologia tipica della depressione.

Meglio di un farmaco
Tutti conosciamo gli effetti avversi dei farmaci di sintesi, specie quelli ad azione antidepressiva. A volte però sembra impossibile fare a meno di assumere alcuni prodotti farmaceutici. Ma c’è una buona notizia: secondo quanto emerge dalla ricerca condotta in Iran e pubblicata sull’Avicenna Journal of Phytomedicine i semi di anice svolgerebbero un’azione analoga ai preparati di origine sintetica.

Come si usano i semi di anice
I semi di anice possono essere masticati tal quali al momento del bisogno – per cui in caso di stanchezza eccessiva, ansia e depressione. Non si dovrebbe però superare la dose di 10 grammi al giorno. In infuso si aggiungono circa 3-5 grammi per tazza. Mentre in tintura madre se ne possono assumere circa 35 gocce tre volte al giorno.

Un rimedio sicuro
I semi di anice rappresentano un rimedio abbastanza sicuro che, raramente, procura effetti avversi a differenza dell’olio essenziale che non andrebbe assunto per via orale. In soggetti predisposti possono manifestarsi reazioni allergiche o disturbi gastrointestinali.