21 maggio 2019
Aggiornato 02:30
Medicina ayurvedica

Giornata nazionale dell’ayurveda: i rimedi naturali per il controllo del diabete

28 ottobre: si celebra la giornata nazionale dell’ayurveda. Il tema dell’anno è la cura per il diabete

Giornata mondiale dell'ayurveda
Giornata mondiale dell'ayurveda ( Shutterstock )

Oggi è il National Ayurveda Day. La decisione di dedicare una giornata a questo antico – ma estremamente valido – sistema di cura, è stata presa recentemente dal Governo indiano. L’ayurveda non è semplicemente un’opzione alternativa e naturale, ma nasce dall’esigenza di adottare una scelta terapeutica complessa e personalizzata, alla stregua della medicina tradizionale cinese. Si tratta di una disciplina nata migliaia di anni fa, che pare possa tuttavia colmare le ancora molte lacune che emergono dai sistemi di cura ufficiali. Ecco perché è doveroso dedicargli una giornata intera. Il tema di quest’anno è: «L’Ayurveda per la prevenzione e il controllo del diabete».

Diabete e medicina ayurvedica
La medicina ayurvedica è un sistema di cura molto complesso che si basa anzitutto sui tre dosha e sulla relativa costituzione di un individuo. Quando uno dei tre dosha (Vata, Pitta, Kapha) è alterato, si può andare incontro a tante malattie. Nel caso del diabete, il dosha che più spesso si trova in squilibrio è Kapha. Non a caso, è molto probabile che le persone affette da diabete vengano curate con gli stessi rimedi utilizzati in caso di obesità. Il diabete, in medicina ayurvedica è conosciuto con il nome di Prameha o Madhumeha.

Tanti tipi di diabete
A differenza della medicina occidentale che riconosce due tipi di diabete, l’ayurveda ne conosce ben 20, associati non solo al dosha Kapha – il più comune – ma anche a Vata e Pitta. Quelle relative al dosha Vata (ce ne sono ben quattro) sembrano essere incurabili. Difficoltose anche quelle di Pitta, e ben più facili quelle di Kapha. La prima citazione di tale patologia si trova nella Charaka Samhita - un testo indiano vecchio di parecchi millenni. Come ai giorni nostri, viene definito un disturbo caratterizzato da minzione frequente e alterata presenza di zuccheri nelle urine. Alla stregua della nostra medicina, l’ayurveda differenza due tipi in particolare di diabete, il primo viene considerato un tipo di diabete che si verifica anche (e soprattutto) nei soggetti di corporatura magra e normale; il secondo in quelli che tendono a metter su peso. Ma la vera differenza consiste nel fatto che il primo caso si verifica alla nascita (genetico) e il secondo è dovuto allo stile di vita.

I Dinacharya
I comportamenti che si adottano durante la giornata – potremmo definirlo stile di vita – viene definito dalla medicina ayurvedica Dinacharya. La medicina occidentale comincia solo oggi a dare risalto a questi aspetti, mentre l’ayurveda lo afferma da millenni. Una dieta povera di grassi dannosi, ricca di fibre e proteine è alla base della prevenzione del diabete.

I rimedi ayurvedici per il diabete
Una recente ricerca condotta dagli scienziati dell’Ohio State University ha scoperto che un’erba indiana, l’Oblonga Salacia, pare avere effetti simili ai tradizionali farmaci utilizzati per il controllo del diabete. Durante lo studio sono state somministrate diverse dosi di estratto acquoso ai volontari e dopo 15-30 minuti è stato prelevato un campione di sangue. Il tutto per la durata di tre ore. Dai risultati è emerso che già poco tempo dopo l’assunzione, i livelli di glucosio ematico erano ridotti del 23 percento.

Momordica, la pianta antidiabetica utilizzata in medicina ayurvedica
La momordica viene chiamata anche melone amaro, è ricchissima di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti. È considerato uno dei frutti più amari al mondo, ma il suo pregio è quello di contenere diverse sostanze antiglicemiche tra cui alcalodi, composti fenolici, steroidi, glicosidi, resine. Ma il principio attivo che fa davvero la differenza è la Momordicina II che, insieme al 3-hydroxycucurbita-5 e il β-glucopyranoside, sembrano evidenziare un significativo rilascio di insulina.

La prevenzione è alla base di tutto
In ogni caso la medicina ayurvedica punta molto sulla prevenzione. Alla base di una buona salute, lo sappiamo tutti, c’è proprio la prevenzione. Ma le medicine orientali hanno un sistema preventivo molto più complesso e ragionato, a seconda della propria costituzione e dell’eventuale alterazione innata di alcuni dosha. In questa maniera, l’alimentazione e lo stile di vita che adotta un individuo sarà completamente diverso da quello che adotta un altro, nonostante si miri sempre a prevenire il diabete o altro tipo di patologia.