19 marzo 2019
Aggiornato 05:00

Elettroshock, e il cioccolato diviene più sano e con meno grassi

Un team di fisici ha scoperto un modo per rendere il cioccolato più sano. Per mezzo di scosse elettriche, i ricercatori sono riusciti a ridurre il contenuto di grassi, facendone così un cibo dietetico

Cioccolato, con le scariche elettriche si riduce il grasso
Cioccolato, con le scariche elettriche si riduce il grasso

PHILADELPHIA – E se si potesse mangiare tutto il cioccolato che si vuole senza temere di ingrassare? Potrebbe essere il sogno di molti. Ma se a frenare le voglie può essere la presenza di grassi nel ghiotto alimento, c'è una buona notizia. I ricercatori della Temple University guidati dal dottor Rongjia Tao hanno sottoposto a una sorta di elettroshock il cioccolato, riuscendo così a ridurne il contenuto di grassi.

Burro di cacao
A conferire il tenore di grassi al cioccolato è il burro di cacao. Ne è una parte integrante, senza la quale l'alimento non sarebbe tale, tuttavia fino al 40% del volume di una barretta è dato proprio dal burro di cacao. Senza questo ingrediente, il cioccolato liquido non potrebbe per esempio scorrere nei tubi delle aziende in fase di produzione, e così non se ne può fare a meno. Ma, ora, i ricercatori pare abbiano trovato la soluzione che sala capra e cavoli: sono riusciti a migliorare il flusso di cioccolato liquido senza la necessità di aggiungere del burro di cacao in più.

Taglio netto
Il processo di 'elettroshock' cui viene sottoposto il cioccolato permette di tagliare dal 10% al 20% di grassi. Le scosse elettriche fanno sì che si modifichino le particelle di cacao, permettendo loro di fluire anche senza la necessità di aggiungere altro burro di cacao. Secondo gli autori dello studio, questo metodo può rendere il cioccolato più sano e gustoso. «Qui dimostriamo che, mediante l'applicazione di un campo elettrico al cioccolato liquido nella direzione del flusso, abbiamo aggregato le particelle sospese in sferoidi prolati – hanno scritto i ricercatori su PNAS – Questo cambiamento nella microstruttura riduce la viscosità nella direzione di flusso e consente di ridurre il livello di grasso dal 10 al 20%». Nonostante la convinzione degli autori, diversi scienziati si sono detti scettici circa la possibilità che il gusto migliori – anche perché secondo gli esperti è proprio il burro di cacao a conferire quel caratteristico aroma e gusto. Se lo si toglie è come avere un prodotto 'menomato': con meno grassi sì, ma probabilmente meno gustoso e senza quella consistenza caratteristica.