20 settembre 2021
Aggiornato 08:00
Nutrizione e salute

Diabete, la dieta vegan taglia il rischio

La dieta vegan è di gran moda oggi ma, a parte questo, secondo un nuovo studio astenersi dal mangiare prodotti di origine animale pare possa ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

STATI UNITI – La dieta vegan, quella che prevede l’assunzione esclusiva di prodotti vegetali e senza alcun prodotto di origine animale, oggi sta attirando sempre più proseliti. Ma, moda a parte, secondo uno studio pubblicato su PLoS Medicine, questo regine dietetico può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Merito di alcuni vegetali
La possibilità di tagliare il rischio diabete, secondo quanto emerso dallo studio, sarebbe merito di alcuni vegetali in particolare. Tra questi i cereali integrali, frutta, verdura, frutta secca e legumi. «Questo studio – spiega Ambika Satija, principale autore dello studio – mette in evidenza che i cambiamenti nella dieta, anche moderati, nella direzione di una dieta salutare a base vegetale possono svolgere un ruolo significativo nella prevenzione del diabete di tipo 2. Questi risultati forniscono ulteriori prove a sostegno delle attuali raccomandazioni dietetiche per la prevenzione delle malattie croniche».

Lo studio
Per questo studio, i ricercatori hanno seguito per oltre vent’anni più di 200mila uomini e donne negli Stati Uniti, tutti operatori sanitari. I partecipanti hanno regolarmente compilato questionari sulla loro dieta, lo stile di vita, la storia medica, e nuove diagnosi di malattia come parte di tre grandi studi a lungo termine. I ricercatori hanno valutato le diete dei partecipanti utilizzando un indice di dieta a base vegetale: i punteggi più alti sono riferiti agli alimenti di origine vegetale, mentre quelli più bassi agli alimenti di derivazione animale.

    - Approfondisci: Diabete, 11 domande 11 risposte.

I risultati
I risultati della ricerca hanno evidenziato come l’alta aderenza a una dieta a base vegetale – con pochi o nulla alimenti di origine animale – è stata associato con un 20% di riduzione del rischio di diabete di tipo 2, rispetto a una bassa aderenza alla dieta a base vegetale. Ma, l’aderenza a una dieta a base vegetale che fosse più sana, è stata collegata con un rischio di diabete del 34% più basso, mentre una versione meno sana – che comprendeva alimenti come cereali raffinati, patate e bevande zuccherate – è stata per contro collegata con un aumento del 16% del rischio, anche se era comunque una dieta vegana. Per cui se ne conclude che ‘vegan’ può andare bene, ma deve anche essere una dieta sana, altrimenti…