29 luglio 2021
Aggiornato 17:30
Ricerca e trapianti

Creare organi umani in embrioni di maiale. Al via sperimentazione Usa

Con l’intento di risolvere il problema della carenza di organi per trapianti umani, gli scienziati usa danno il via alla coltivazione di cellule umane in embrioni di maiale

CALIFORNIA – Gli scienziati statunitensi sono convinti che la risposta alla carenza di organi umani da utilizzare per i trapianti si trovi nei maiali. Per questo motivo hanno dato l’avvio a una sperimentazione in cui è previsto l’impianto di cellule umane in embrioni di suino.

Fantascienza o oscenità?
Per qualcuno è impensabile provare a produrre organi umani utilizzando embrioni di maiale. Ma non sono dello stesso parere il dottor Pablo Ross e colleghi dell’Università della California. Per dimostrare che è possibile – e forse una scelta obbligata – riprodurre organi umani in questo modo, i ricercatori californiani hanno impiantato le cellule umane di pancreas in un embrione suino. Per chi poi pensa di veder già crescere un mostro, gli scienziati ricordano che l’embrione conserverà le fattezze di un maiale; quello che cambia è soltanto la composizione cellulare del pancreas, che avrà cellule umane.

Ventotto giorni per la verifica
Lo sviluppo dell’organo nell’embrione suino durerà 28 giorni, dopo di che gli scienziati iterromperanno la gravidanza delle scrofe. Il tessuto prelevato sarà poi sottoposto alle analisi. Nell’ottica di un utilizzo per un trapianto, il dottor Ross ha spiegato alla BBC: «La nostra speranza è che questo embrione di maiale si sviluppi normalmente e che il pancreas sia composto esclusivamente da cellule umane e possa essere compatibile con un paziente.

  • Approfondimento. Le Chimere sono dei mostri mitologici formati da parti del corpo di animali diversi. Secondo il mito greco, la Chimera fa parte della progenie di Tifone ed Echidna, insieme all’Idra di Lerna, Cerbero e Ortro. La Chimera per antonomasia, a seconda della descrizione poteva sputare fuoco; aveva testa di leone; una testa di capra sulla schiena e la coda di serpente. Altre descrizioni affermano avesse un corpo di capra, la coda di serpente o di drago e la testa di leone. Infine, sputava fuoco dalle fauci e la puntura della coda era velenosa.

Critiche
Come ci si poteva aspettare il progetto del dottor Ross ha suscitato un coro di critiche, sia da parte di chi è scettico che di chi ritiene immorale e irrispettoso del benessere degli animali. Lo stesso National Institutes of Health (NIH) Usa, lo scorso anno aveva bloccato tutti i finanziamenti per questo genere di esperimenti. Il timore di molti è che dal pancreas con cellule umane si possa passare a esperimenti da mitologia con il cervello – creando delle ‘Chimere’ – impiantando nei maiali cellule cerebrali umane. Ma il dottor Ross rassicura, dichiarando che in queste condizioni «Pensiamo che sia molta bassa la possibilità che un cervello umano riesca a svilupparsi. Ma è una cosa su cui stiamo indagando».