29 settembre 2020
Aggiornato 12:00
Alzheimer e prevenzione

L’Alzheimer si previene con una capsula impiantata sotto cute che ripulisce il cervello

La micro capsula è in grado di ripulire il cervello dalle beta amiloidi, le molecole tossiche ritenute responsabili della malattia

SVIZZERA – Una speranza in più sul fronte della lotta alla malattia di Alzheimer arriva dal Politecnico Federale di Losanna (Svizzera), dove è stata sviluppata una capsula contenente anticorpi specifici capaci, a poco a poco, di ripulire il cervello ammorbato dalle proteine beta amiloidi, ritenute sia un marcatore della malattia che dirette responsabili.

Non si assume
La micro capsula, che misura pochi millimetri, non si assume come un qualsiasi farmaco, ma viene impiantata sotto cute. Così come è stato fatto nello studio preclinico su modello animale, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Brain. Qui i ricercatori guidati dal dott. Patrick Aebischer, dopo aver impiantato la capsula in un gruppo di topi, ne hanno monitorato l’attività per 39 settimane. Durante il periodo di follow-up sono stati osservati molti effetti, tra cui una significativa riduzione della concentrazione della proteina beta-amiloide.

Come funziona
La capsula costruita con materiale biocompatibile e impiantata sotto cute, rilascia gradualmente degli anticorpi che vanno a finire nel flusso sanguigno che raggiunge il cervello. Qui si occupano di ripulirlo dai frammenti delle molecole tossiche, liberandolo dalla possibile causa della demenza e della degenerazione della malattia stessa.