18 settembre 2021
Aggiornato 15:30
L'intervista a Libero

Salvini: «Green pass? Quando il Decreto arriverà in Aula presenteremo tutti gli emendamenti necessari»

Il leader della Lega, Matteo Salvini: «Le migliaia di persone che sono scese in piazza nel week end, molte delle quali vaccinate e informate vanno ascoltate, non censurate o insultate»

Video Agenzia Vista

«Io mi sono vaccinato per libera scelta, ma non penso che tutti gli italiani debbano essere costretti a farlo. Sono per l'informazione, non per l'imposizione, gli obblighi, le multe. Oggi il Green pass, con i letti di terapia intensiva per fortuna vuoti al 98%, rischia di escludere dalla vita sociale più della metà degli italiani». Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini in un'intervista a Libero.

«Una famiglia (anche vaccinata) che andrà in vacanza a ferragosto con una figlia di 14 anni - ha aggiunto Salvini - dovrà fare un tampone ogni volta per andare in pizzeria, in piscina o al parco giochi? Non si sta esagerando? E se il pass evita tutti i problemi, perché non riaprire in sicurezza anche le discoteche, con il pass? Ci sono in ballo 3.000 imprese, 100.000 posti di lavoro e, soprattutto, il diritto di milioni di ragazzi a vivere e divertirsi, in sicurezza».

«Gli italiani sono persone di buon senso e rispettosi, non meritano altri problemi e altra burocrazia, penso soprattutto al mondo del turismo, del commercio e ai molti genitori con figli, alle loro difficoltà difficoltà. Almeno concedere tamponi salivari, rapidi e gratuiti a tutti, sarebbe utile. Quando il Green pass arriverà in Aula, presenteremo tutti gli emendamenti necessari. Le migliaia di persone che sono scese in piazza nel week end, molte delle quali vaccinate e informate, sono un fatto significativo: vanno ascoltate e capite, non censurate o insultate».

Incendi Sardegna, Lega avvia raccolta fondi

«La Lega ha avviato una raccolta fondi per l'emergenza incendi in Sardegna. I contributi liberali raccolti saranno impiegati per iniziative di solidarietà per le comunità colpite dagli incendi». Lo fanno sapere in una nota il leader della Lega Matteo Salvini e il deputato Eugenio Zoffili, coordinatore Lega in Sardegna.

«Le conseguenze - spiegano - finora sono devastanti. Siamo in contatto costante con il Governatore Solinas: per la Protezione Civile almeno 10mila ettari di territorio sono andati in fumo. Un ringraziamento di cuore va a tutte le donne e gli uomini impegnati in queste ore nella lotta agli incendi, combattuta dalla Regione Sardegna e dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile con un imponente schieramento di operatori e mezzi, e un abbraccio alle popolazioni colpite a cui vogliamo essere vicini anche attraverso questa iniziativa».

Queste le coordinate per la raccolta dei fondi: «Conto corrente intestato a Lega Sardegna per Salvini Premier - IBAN IT92A0760103200001050000957 - Causale: erogazione liberale emergenza incendi Sardegna».