6 dicembre 2019
Aggiornato 19:30

Renata Polverini verso Italia Viva: «Forza Italia supina a Salvini, non fa per me»

L'ex Governatrice del Lazio: «Renzi paraculo? No, bravo, scaltro ed efficace. Con tre interviste ha già fatto il quattro per cento»

Renata Polverini
Renata Polverini ANSA

ROMA - «Io ho scelto Forza Italia perché era il partito delle libertà civili. Mi sono accorta invece che la sua posizione odierna è supina al sovranismo leghista, ostaggio del fuoco salviniano. Questa cosa non mi interessa, non fa per me. Che politica è quella sull'immigrazione?». Renata Polverini, in un'intervista al Fatto quotidiano, non si scopre sul possibile approdo a Italia Viva ma non nasconde tutte le difficoltà a restare in Forza Italia. E su Matteo Renzi dice: «Paraculo e troppo disinibito? No, è bravo invece, scaltro ed efficace. Con tre interviste ha già fatto il quattro per cento».

«Valori Renzi quelli che forse noi non abbiamo più»

«La scorsa settimana Renzi ha difeso Berlusconi sull'aggressione in campo giudiziario. Nella storia di FI nessuno aveva difeso Berlusconi con tanta veemenza come ha fatto Renzi. Renzi ha parlato con quei valori che forse oggi in FI non ci sono più. Oggi forse si vuole sminuire l'atteggiamento di Renzi. Alcuni miei colleghi hanno liquidato Renzi con una battuta, io invece sarei più cauta perché mi sembra sia nello stesso campo in cui siamo noi e che forse oggi stiamo abbandonando. Renzi a Berlusconi è sempre piaciuto, il cavaliere aveva un'attrazione politica nei confronti di Renzi, che poi faccia una riflessione in questo senso non lo so. Io sono in attesa di capire cosa intende fare il mio partito rispetto allo ius culturae. Io ho la mia storia ed esigo rispetto, quel rispetto che in questo momento non ho avuto dal mio partito», ha concluso.

Bernini: «Mobilitiamo il paese come contro Unione»

«Il centrodestra unito è l'unico antidoto all'ammucchiata di Palazzo attualmente al governo. Per questo il vertice di ieri sera tra Berlusconi, Salvini e Meloni va salutato come una fondamentale ripartenza per mobilitare il Paese contro una maggioranza che è perfino peggiore dell'Unione di Prodi». Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia. «Ora come allora grandinano tasse, ed è doveroso aprire l'ombrello per mettere al riparo l'Italia che produce. Sarà importante il coordinamento fra i gruppi parlamentari a cui i senatori di Forza Italia daranno il massimo e convinto apporto per mettere a nudo le contraddizioni insanabili di questa maggioranza», conclude.