24 ottobre 2019
Aggiornato 07:00

Lamorgese contraddice Salvini: «Più sbarchi con me al Viminale? Un po' difficile»

Il Ministro dell'Interno: «Non credo ci sia stato il disastro da quando ci sono io. Decreto migranti inciderà, ma nessuno ha la bacchetta magica»

Video Agenzia Vista

MILANO - «Prendo atto, ma in venti giorni mi sembra un po' difficile...». Lo ha detto il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, a proposito delle affermazioni del suo predecessore, Matteo Salvini, secondo il quale sono molto aumentati gli sbarchi di migranti irregolari dopo la nascita del governo Conte bis. «Il problema - ha aggiunto al termine del Comitato provinciale ordine e sicurezza - è complesso, non credo che ci sia stato il disastro da quando ci sono io» al Viminale.

«Decreto migranti inciderà, ma no bacchetta magica»

«Le procedure saranno più brevi che in passato, un effetto positivo senz'altro ci potrà essere, vediamo». Così il ministro dell'Interno a proposito del decreto ministeriale sui migranti presentato oggi dai colleghi Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede. «Il problema immigrazione - ha aggiunto al termine del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza - è complesso, strutturale, servono varie azioni, nessuno ha la bacchetta magica dicendo che nel giro di un mese il problema si risolve. Lo dico da ex prefetto. Il decreto sicuramente può essere utile, può abbreviare i tempi, inciderà: chi ha diritto rimane, chi non ha diritto va via. Dobbiamo molto parlare con gli altri Stati» per i rimpatri.