18 ottobre 2019
Aggiornato 13:30

Boldrini: «Nessuno ha sentito il paladino dell'onestà Di Maio»

Tweet «velenoso» dell'ex Presidente della Camera sul caso Russia-Lega. De Petris: «Salvini ha mentito, subito in Parlamento». Speranza: «Se il Ministro mente va a casa». Fratoianni: «Italia non si merita Ministro come Salvini»

Laura Boldrini
Laura Boldrini ANSA

ROMA - «Mentre sul caso Savoini l'indagine per corruzione internazionale va avanti, volevo chiedervi se qualcuno di voi ha sentito il paladino dell'onestà, anche detto Di Maio». Lo scrive Laura Boldrini su Twitter chiedendo al vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico «per quale motivo non si esprime sulla vicenda che vede coinvolto il suo alleato di governo».

De Petris: «Salvini ha mentito, subito in Parlamento»

«Salvini deve immediatamente riferire in Parlamento sui suoi rapporti con Gianluca Savoini e sulle menzogne che ha sin qui raccontato». Lo dichiara la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto. «In merito ai suoi rapporti con Savoini - prosegue De Petris - il ministro degli Interni ha mentito a più riprese e sfacciatamente al Paese. E' stato sbugiardato da una marea di fotografie ed elementi inconfutabili e alla fine dallo stesso presidente del Consiglio. Un ministro e vicepremier che racconta fiumi di bugie è di per sé cosa gravissima e autorizza inoltre ogni tipo di sospetti sul suo ruolo nella torbida vicenda della trattativa intavolata da Savoini all'Hotel Metropol di Mosca. E' evidente che, in mancanza di spiegazioni soddisfacenti, la permanenza di Salvini al governo diventerebbe un problema enorme», conclude la senatrice di LeU.

Speranza: «Se il Ministro Salvini mente va a casa»

«E' sempre più evidente che tra Savoini e Salvini il rapporto fosse solido e strutturato». Lo ha dichiarato il segretario nazionale di Articolo Uno, Roberto Speranza, durante un incontro con militanti e simpatizzanti a Potenza. «Il tentativo di ottenere un maxi finanziamento illecito - ha aggiunto - sarebbe gravissimo. Indagherà la magistratura nella sua indipendenza. Salvini ha però l'obbligo morale e politico di spiegare al Paese la verità, cosa che finora non ha fatto. In un paese normale un ministro che mente va a casa».

Fratoianni: «Italia non si merita Ministro come Salvini»

«Continua il bollettino di guerra dei femminicidi in Italia, con donne che vengono giustiziate tra la folla. Prosegue la strage infinita sulle strade italiane con vittime decine di ragazzi e ragazze. I regolamenti di conti a colpi di pistola si susseguono in varie parti del Paese. E abbiamo un ministro dell'interno scatenato nella sua guerra privata contro le Ong e i naufraghi, che passa gran parte del suo tempo a fare dirette Facebook o comizi elettorali a spese degli italiani». Lo afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana. «E abbiamo un ministro dell'Interno - prosegue l'esponente della sinistra - che tace in modo imbarazzante sui traffici dei suoi collaboratori. L'Italia non si merita e non ha certo bisogno - conclude Fratoianni - di un ministro di questo genere...».