23 febbraio 2024
Aggiornato 20:00
Video

Cosa resta del ponte di Genova: è qui che si cerca la verità

Le immagini diffuse dalla polizia mostrano l'area dove sono stati raccolti i materiali posti sotto sequestro

GENOVA - Cavi d'acciaio tranciati e aggrovigliati, blocchi di cemento e travi. Sono i pezzi del ponte Morandi sequestrati dopo il crollo avvenuto il 14 agosto a Genova. Le nuove immagini diffuse dalla Polizia di Stato mostrano l'area dove sono stati raccolti i materiali posti sotto sequestro, che vengono analizzati dagli esperti della scientifica per capire che cosa abbia provocato il cedimento della struttura e il crollo della campata sulla Valpolcevera del ponte dell'autostrada. Il lavoro della Procura va avanti dopo i primi avvisi di garanzia. Le accuse sono omicidio colposo plurimo, omicidio stradale e disastro colposo. Sapevano del rischio, accusano i magistrati, non sono intervenuti per evitare il disastro e le manutenzioni erano carenti.