30 marzo 2020
Aggiornato 07:00
Movimento 5 stelle

Di Maio lancia il «Rally elettorale»

Il candidato premier del M5s: «Penso che sia mio dovere incontrare il maggior numero di persone, ascoltare le loro esigenze e proporre le nostre soluzioni»

ROMA - «Da oggi inizia ufficialmente la campagna elettorale per le elezioni politiche. Per questa campagna non mi risparmierò. Penso che sia mio dovere incontrare il maggior numero di persone, ascoltare le loro esigenze e proporre le nostre soluzioni. Per questo sarò in tutta Italia, parlerò con chiunque sia interessato ad ascoltare la proposta di un MoVimento di governo che non pensa alle ideologie o alle poltrone, ma alla vita quotidiana dei cittadini e alla loro felicità. Non sarà un semplice tour, sarà un rally, perchè abbiamo poco tempo e ci aspettano molte difficoltà». Lo dice Luigi Di Maio, candidato premier del Movimento 5 stelle in un video e in un post sul blog di Beppe Grillo chiamando a raccolta tutti i militanti e i simpatizzanti a mobilitarsi e a contribuire anche economicamente alla campagna elettorale.

Sarà un Rally
«Come nei rally c'è poco tempo e bisogna correre perciò io farò campagna col piede sull'acceleratore perchè non bisogna fermarsi mai e non voglio avere nessun rimorso», aggiunge Di Maio. «Io ho bisogno di tutto il vostro sostegno come attivisti, simpatizzanti ed elettori del MoVimento 5 Stelle. Voi sarete i protagonisti come sempre, ognuno con il suo gruppo - spiega il candidato premier -. La campagna avrà dei costi che sosterremo grazie al contributo libero di tutti i cittadini che vorranno darci una mano. Vi ricordo che il MoVimento 5 Stelle ha rifiutato 42 milioni di finanziamenti pubblici e ha restituito milioni di euro derivanti dal taglio degli stipendi da parlamentari».

Ignorate chi ci attacca
«Noi pensiamo che la politica la finanziano liberamente i cittadini, quindi dacci una mano e Fai subito una donazione. Con le vostre donazioni non sosterrete solo il MoVimento 5 Stelle, sosterrete un'idea diversa di fare politica e di pensare al bene comune. Ringrazio sin da ora tutti coloro che ci daranno una mano ad arrivare fino alla meta». «Nei prossimi mesi ci attaccheranno, noi staremo sui temi e gli altri diranno che siamo dei poco di buono, che siamo eversivi e un pericolo per il paese, ignorateli perchè fanno promesse senza averle mai realizzate. Oggi si parte, ci vediamo al traguardo, probabilmente il 4 marzo data delle elezioni politiche», conclude Di Maio.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal