22 febbraio 2020
Aggiornato 20:30
La prima volta nel 1985

Comunali, Leoluca Orlando di nuovo sindaco? Con me Palermo da capitale della mafia a capitale della cultura

Leoluca Orlando vede profilarsi all'orizzonte del primo turno il suo quinto mandato da sindaco di Palermo. Sin dai primissimi minuti dopo la chiusura delle urne, gli exit-poll lo hanno segnalato in testa con una forbice di preferenze ben al di sopra del 40%

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/06/20170612_video_12305373.mp4

PALERMO - Leoluca Orlando vede profilarsi all'orizzonte del primo turno il suo quinto mandato da sindaco di Palermo. Sin dai primissimi minuti dopo la chiusura delle urne, gli exit-poll lo hanno segnalato in testa con una forbice di preferenze ben al di sopra del 40%, soglia minima per imporsi al primo turno. Candidatosi senza il supporto dei tradizionali simboli di partito, Orlando ha spiegato così il suo successo: "Questo risultato basta per avere conferma della bontà dell'amministrazione di questi anni che è stata riconosciuta dai palermitani che chiedono di non fermare il cambiamento dopo i dieci anni disastrosi di governo di centrodestra. Il mio partito si chiama Palermo".

La prima volta nel 1985
Eletto sindaco la prima volta nel 1985, a 38 anni, oggi 69enne, Orlando ha trascorso 17 degli ultimi 34 anni alla guida del quinto comune più grande d'Italia, trovando un'ennesima conferma e dimostrando di poter fare a meno dei partiti.

Palermo "da capitale della mafia a capitale della cultura"
"Da Palermo capitale della mafia quando negli anni '80 uccideva i servitori dello Stato e governava a Palazzo delle Aquile, a Palermo capitale della cultura", ha dichiarato ai giornalisti. "È il senso della mia vita e della mia esperienza politica e umana e per questo sono grato ai palermitani che mi hanno seguito, sostenuto e accompagnato in questo straordinario cammino di cambiamento".