14 novembre 2019
Aggiornato 00:00
Banche

Etruria, Salvini: «In qualunque paese evoluto la Boschi sarebbe a casa da mesi. Starà coprendo qualcuno?»

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, è intervenuto al convegno su immigrazione, sicurezza e periferie che si è svolto a Palazzo Santa Chiara a Roma e ha puntato il dito contro la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi

ROMA – Il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, è intervenuto a Roma al convegno organizzato dalla Fondazione della Libertà per il bene comune su «Immigrazione, sicurezza e periferie» che ha coinvolto i nomi più importanti del centrodestra italiano. E ha parlato a ruota libera di politica ed economia, puntando il dito contro la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, accusata nelle scorse ore da Ferruccio De Bortoli di aver avuto un ruolo attivo nello scandalo di Banca Etruria.

VEDI ANCHE Caso Banca-Etruria-Unicredit, Salvini: Un governo serio non ha la Boschi al suo interno. Forse copre qualcuno

Salvini: La Boschi vada a casa
«Io non chiedo le dimissioni della Boschi oggi per quello che pare sia accaduto tra le due banche. In qualunque paese normale ed evoluto al mondo, la Boschi non sarebbe più ministro da mesi e mesi». Così ha esordito il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, durante il suo intervento al convegno su «Immigrazione, sicurezza e periferie» che si è svolto il 10 maggio scorso presso Palazzo Santa Chiara nella Capitale. Poi ha aggiunto: «In qualunque paese evoluto del mondo sarebbe già stata approvata la Commissione d'inchiesta sulle crisi bancarie e i nomi dei responsabili sarebbero saltati fuori».

LEGGI ANCHE Etruria, un alto esponente del governo Renzi chiese aiuto per salvarla