13 luglio 2020
Aggiornato 17:30
Partito democratico

Renzi torna sul palco: «Che squallore gli sciacalli su Rigopiano»

«I finanzieri non erano ancora arrivati e già qualcuno sciacallava. Questo non vuol dire che non si debba fare una riflessione tutti insieme» ha detto il segretario del Partito democratico all'assemblea degli amministratori locali Dem a Rimini

RIMINI - «Non c'è dubbio che si possa sempre fare meglio e che non servano difese d'ufficio ma che squallore quando un minuto dopo qualcuno ha cercato con un atto di sciacallaggio incredibile di gettare fango sulla Protezione civile e sui volontari», ha detto il segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, intervenendo all'assemblea degli amministratori locali Dem a Rimini.

«Non si risolvono le cose con un tweet»
«I finanzieri non erano ancora arrivati - ha aggiunto - e già qualcuno sciacallava. Questo non vuol dire che non si debba fare una riflessione tutti insieme. Se vogliamo cambiare le cose nel settore della prevenzione, nella lotta al dissesto idrogeologico, non si risolvono le cose con un tweet, ci vogliono anni». L'ex premier aprendo il suo intervento ha voluto ricordare «tutte le popolazioni colpite dal terremoto, dalla tragedia della slavina di Rigopiano, dalle difficoltà del maltempo non soltanto in Centro Italia».

Assemblea dedicata a Jessica, giovane vittima di Rigopiano
«Oggi - ha aggiunto - è il giorno di alcuni funerali, anche delle vittime dell'elicottero caduto. Nel dare un abbraccio a tutte le famiglie vorrei che pensassimo a dedicare la nostra assemblea a una delle vittime di Rigopiano perchè era una giovane democratica, Jessica. Quando ho chiamato il padre Mario mi ha detto: abbiamo perso una vita che credeva al cambiamento di questo Paese. Vorrei che sentissimo la responsabilità e il peso di portare avanti quelle battaglie, anche per chi non è più con noi, come Fabrizia che ha perso la vita nell'attentato di Berlino».