28 marzo 2020
Aggiornato 19:30
Se ne parlerà al Festival dell'Economia di Trento

Migranti, Boeri: l'Europa non è pronta a gestire il problema dei profughi

"Il fenomeno dei rifugiati" ha spiegato il presidente dell'Inps e direttore del Festival di Trento, "è legato soprattutto a fattori di spinta su persone non soltanto attratte dalle opportunità economiche"

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/05/20160506_video_13401537.mp4

ROMA - L'Europa "non è pronta a gestire il problema dei rifugiati": ad affermarlo è Tito Boeri, direttore scientifico del Festival dell'Economia di Trento in programma dal 2 al 5 giugno, e dedicato quest'anno a "I luoghi della crescita".

Il fallimento di tutte le politiche di relocation
"L'immigrazione reagisce a queste differenze profonde che ci sono nella crescita, noi comunque non parleremo solo dell'immigrazione, ma parleremo del problema dei rifugiati, che è molto diverso da quello tradizionale dei migranti economici - ha spiegato il presidente dell'Inps - perché il fenomeno dei rifugiati è legato soprattutto a fattori di spinta, di persone che vengono costrette a lasciare il loro paese, quindi non soltanto attratte dalle opportunità economiche, quindi avviene anche con ondate molto più forti, molto più violente delle migrazioni economiche, che non siamo assolutamente pronti a gestire in queste dimensioni, l'Europa non è pronta a gestire, lo ha anche dimostrato con il fallimento di tutti i programmi di relocation e resettlement".

"Bisogna creare un modo per dividere il peso dell'accoglienza"
Bisogna ragionare, ha proseguito, "su cosa si può fare, su come sia possibile creare un modo per dividere il peso dell'accoglienza, perché indubbiamente c'è un problema di investimento nell'accoglienza dei paesi europei".

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal