16 dicembre 2018
Aggiornato 08:30

Brunetta è un disco rotto: «Il Governo ha prodotto solo il raddoppio dello spread»

Il Deputato di Forza Itala: «Il Decreto dignità porterà ad una perdita secca di 50mila posti di lavoro»

Renato Brunetta, Deputato di Forza Italia
Renato Brunetta, Deputato di Forza Italia (ANSA)

ROMA - «Se Matteo Salvini dice che il contratto si può rivedere, dunque non è come le tavole della Legge, perché allora ha votato quella follia del decreto dignità? Questo decreto, in una situazione di recessione e di congiuntura calante, sta facendo perdere 50mila posti di lavoro, nel senso che non vengono rinnovati i contratti a termine e non vengono fatti i contratti a tempo indeterminato, data la recessione». Lo ha detto Renato Brunetta, deputato di Forza Italia e responsabile della Politica economica del partito azzurro, intervenendo a Tgcom24.

APOCALISSE FINANZIARIA - «Quindi noi stiamo arrivando, a causa del cosiddetto decreto dignità, che ha limitato il rinnovo dei contratti a termine, rendendoli più costosi e quindi più difficili, ad una perdita secca di almeno 50mila posti di lavoro. Questo è quanto sta producendo questo Governo che, dopo aver dichiarato più cambiamento, ci porta alla fuga di capitali, al raddoppio dello spread, al credit crunch, vale a dire la restrizione del credito per famiglie e imprese e, infine, al crollo in Borsa».