13 novembre 2018
Aggiornato 08:00

La bomba di La Russa: «Fratelli d'Italia al governo? Possibile»

Uno dei colonnelli della Meloni lancia l'ipotesi dell'ingresso in maggioranza: «Dipende da come evolverà. Ma sulle pensioni d'oro il M5s la pensa come noi»
Ignazio La Russa e Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia
Ignazio La Russa e Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

ROMA – Giorgia Meloni alleata di Matteo Salvini, ma soprattutto di Luigi Di Maio. Insomma, Fratelli d'Italia nel governo Conte. Un'ipotesi fino ad oggi del tutto inaspettata, ma alla quale per la prima volta dà voce uno dei colonnelli del partito in persona, Ignazio La Russa: «Nulla è escluso», si lascia scappare ai microfoni de Il Giornale.

Idea clamorosa
Il senatore rivendica la coerenza dimostrata finora dai meloniani nei confronti della maggioranza: «Fino ad ora noi siamo stati sempre molto coerenti – prosegue – E appoggeremo il governo M5s-Lega tutte le volte che i provvedimenti di questo esecutivo collimeranno con la nostra visione. Può darsi che dovremmo uscire da questa situazione di stallo, ma non dipenderà solo da noi, dipende da come evolverà la politica del governo. Se dovesse evolvere in peggio, avremmo una linea sempre più dura, ma se dovesse evolvere in meglio, nulla è escluso». Insomma, se Fdi si riconoscerà nel programma dei gialloverdi, è possibile che faccia un passo concreto, e addirittura garantisca il suo appoggio all'esecutivo. Una mossa che rafforzerebbe i numeri in parlamento della maggioranza, ma che soprattutto isolerebbe in maniera definitiva Forza Italia, lasciandola come unica forza dell'ex coalizione di centrodestra a rimanere all'opposizione.

Appoggio sulle pensioni
Per ora, beninteso, si tratta solo di indiscrezioni, di retroscena. Ma, sui singoli temi, qualcosa che unisce davvero i pentastellati ai Fratelli d'Italia esiste: basti pensare al taglio delle superpensioni, che ha suscitato non poche tensioni con gli alleati della Lega, ma sul quale invece la Meloni e i suoi la pensano esattamente come il M5s. «Lo ribadisco, fino ad adesso Fdi ha dato grande prova di coerenza – sottolinea ancora La Russa – Sia chiaro: non abbiamo certo nei nostri canoni un'alleanza con i Cinque stelle, anche se su alcuni temi siamo più vicini noi della Lega al M5s. Basti pensare alle cosiddette pensioni d'oro: questo è un tema che ha posto Meloni, prima di tutti... Saremo, invece, sempre contrari a quelle tesi veterocomuniste e di stampo assistenzialista dei Cinque stelle e per questo motivo, salvo novità oggi non prevedibili un'intesa con i pentastellati non può rientrare nei nostri canoni di alleanza». Insomma, se son rose...