23 ottobre 2018
Aggiornato 15:11

Calenda a Salvini: «I dazi? Una fesseria»

Il Ministro per lo Sviluppo: «L'Italia ha un surplus di 50 miliardi, vuole distruggere Made in Italy». Mazziotti (+Europa): «Il centrodestra ha un fake program»
Il Ministro per lo Sviluppo, Carlo Calenda
Il Ministro per lo Sviluppo, Carlo Calenda (ANSA)

ROMA - «Il premio per la proposta più fessa e irrealizzabile va a Salvini: 'Metto i dazi come Trump'. Tre anni a Bruxelles a 20mila euro al mese in Commissione Commercio e non sa che i dazi li può mettere solo la Ue. E che l'Italia ha un surplus superiore a 50 mld mentre gli USA un deficit di 500. Obiettivo distruggere Made in Italy». Così su Twitter il Ministro per lo Sviluppo Carlo Calenda, commentando quanto affermato da Matteo Salvini.

FAKE PROGRAM - «Chiedo a tutti gli italiani di andare vedere i programmi dei partiti, compreso il fake program del centrodestra: si dice tutto e il contrario di tutto. Tutti dicono di mettere prima gli italiani. Anche noi lo diciamo, ma per noi questo significa tenerli in Europa e farceli restare, governando l'Italia in maniera razionale, senza raccontare balle e fantasie». Lo ha detto il presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, Andrea Mazziotti, promotore di +Europa con Emma Bonino, intervenendo alla «Convenzione per un'Europa federale», organizzata dal Movimento Federalista Europeo.

BLOCCARE LA SPESA - «Chiunque dice agli italiani che in Europa bisogna sbattere i pugni sul tavolo e propone di smontare la riforma Fornero, abbattere le tasse, ma non si sa quanto perché nel programma di centrodestra non c'è, che bisogna dare le pensioni alle mamme, il reddito di dignità, rinviare l'età pensionabile senza indicare un euro di copertura, penso che non riuscirà nemmeno ad entrare nella stanza dove c'è il tavolo. Serve serietà. Noi di +Europa - ha concluso Mazziotti - diciamo chiaramente che prima si blocca la spesa e poi si tagliano le tasse».