19 giugno 2019
Aggiornato 03:00
Forza Italia in fermento

Romani: «Boschi bravissima. Ultimatum Salvini? Ci pensi Brunetta»

Il Presidente dei Senatori: «Lui ci ha infilato in questo casino e lui ci dovrà tirare fuori. Adesso Forza Italia ha bisogno di una direzione nazionale». Rotondi: «Oggi pianteremo il seme del popolarismo»

ROMA - «Avete sentito il discorso della Boschi? Ah, bisogna ammettere che è stata bravissima... Io l'ho trovata bravissima». Lo ha dichiarato il capogruppo di Fi a Palazzo Madama Paolo Romani in un intervista al Corriere della Sera. Sull'ultimatum della Lega Nord che ha minacciato di mettere fine all'alleanza con Forza Italia se questo non voterà le mozioni di sfiducia, Romani ha osservato: «Per quanto mi riguarda, adesso sono ca..i di Brunetta. Lui ci ha infilato in questo casino e lui ci dovrà tirare fuori». E ha aggiunto: «Salvini ci chiede di votare la mozione di sfiducia contro il governo, non quelle individuali».
«Adesso Forza Italia ha bisogno di una direzione nazionale - ha proseguito -. La chiedo io, la chiede Toti, la chiede Matteoli. Che dire? Speriamo che Berlusconi ci faccia questo benedetto regalo di Natale. E comunque sia, la cosa che darà più fastidio a Renzi l'ho presentata io qua al Senato. E' la richiesta di una commissione d'inchiesta su queste banche. Il resto sono ca..ate».

Rotondi: Oggi pianteremo il seme del popolarismo
«Oggi proviamo a piantare di nuovo quello che Martinazzoli chiamava il seme del popolarismo. Ci proviamo per l'ultima volta con l'orgoglio di chi ci crede davvero. Sono consapevole che è l'ultimo tentativo e niente fuori del nostro congresso aiuterà questa impresa». Così Gianfranco Rotondi, deputato di Forza Italia e leader di Rivoluzione Cristiana, spiega la scelta di non invitare delegazioni di altri partiti al congresso di Rivoluzione cristiana. «E' inutile - conclude Rotondi - dar luogo a finzioni sceniche, a questa scommessa crediamo solo noi».