12 luglio 2020
Aggiornato 02:00
Conti pubblici

Salvini: «Con Renzi debito fuori controllo, ma i media non ne parlano»

Il leader della Lega: «A novembre 2011 (quando cadde il governo di centrodestra) il debito era fermo a 1.904,8 miliardi. Con Monti, Letta e Renzi, il debito degli italiani è cresciuto di 300 miliardi!»

ROMA - «Debito pubblico italiano fuori controllo, siamo al disastro! A ottobre è salito a 2.211,8 miliardi di euro, cresciuto in un solo mese di ben 19,8 miliardi. A novembre 2011 (quando cadde il governo di centrodestra e cominciò a comandare il Pd) il debito era fermo a 1.904,8 miliardi. Con Monti, Letta e Renzi, il debito degli italiani è cresciuto di 300 miliardi! Come mai televisioni, radio e giornali non ne parlano? Come faranno i nostri figli a ripagare questo debito? Signorino Renzi, hai qualcosa da dire?». Lo scrive su Facebook il segretario federale della Lega, Matteo Salvini.

Bergamini (Forza Italia): Il Governo spende male i soldi
«Il debito pubblico continua a salire, ad ottobre è aumentato di 19,8 miliardi arrivando 2.211,8 miliardi. Questo dato è ancor più preoccupante alla luce di una legge di stabilità varata in deficit, che non farà altro che peggiorare i conti pubblici anche per i prossimi anni». Lo afferma la responsabile Comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini.
«L'aumento del debito pubblico, nonostante tassi di interesse bassissimi - continua Bergamini - non è stato però accompagnato da un aumento significativo del Pil, il che significa che il Governo spende male i soldi dei contribuenti. I cittadini continuano a pagare i costi di una amministrazione dello Stato elefantiaca, che non ci possiamo assolutamente permettere. Da tempo, ma il Governo non ci ascolta, chiediamo una seria spending review e il taglio della spesa pubblica improduttiva e degli sprechi, misure liberali che però la sinistra si ostina ad osteggiare».